Salute

14 febbraio, insieme “per” il cuore

• Bookmarks: 12


Il 14 febbraio è il giorno in cui si festeggia il Santo Valentino e tutti gli innamorati, e più in generale è la ricorrenza che in assoluto elegge a suo simbolo il cuore, propulsore di vita. Il cuore, rappresenta sì l’emozione ed i sentimenti, ma non dobbiamo dimenticare che è soprattutto un muscolo che pompa sangue nei nostri corpi.

Ecco perché in tutto il mondo la festa di San valentino è stata scelta come “giornata mondiale di sensibilizzazione sulle cardiopatie congenite”. Le Cardiopatie Congenite sono malformazioni del cuore, già presenti nel bambino alla nascita e principali cause di mortalità neonatale. Ogni anno circa 8 bambini su 1000 nati vivi nascono affetti da cardiopatia congenita, con varie complessità e gravità.

Le cardiopatie possono essere diverse, alcune sono così gravi da mettere a rischio la vita dei bambini già alla nascita, o nella prima infanzia e quindi debbono essere trattate tempestivamente. Oggi, grazie anche agli enormi passi compiuti dalla medicina nei campi della ricerca e delle sue applicazioni, quasi il 90% dei neonati con cardiopatie congenite raggiunge l’età adulta con una qualità della vita soddisfacente, nonostante la patologia. Tale “popolazione” di pazienti, viene definita “popolazione GUCH”, acronimo di “Grown-Up Congenital Heart”, e costituiscono un gruppo che nel nostro paese cresce di circa 2000 unità l’anno, superando persino il numero di cardiopatici congeniti in età pediatrica.

In Sicilia, dal 2013, l’associazione “Movimento per la Salute dei Giovani” è impegnata quotidianamente nell’offrire assistenza a pazienti e familiari che si trovano ad affrontare una patologia complessa come quella cardiaca, e per di più in età neonatale.

Tante sono le attività che l’associazione svolge, e sempre in autofinanziamento, senza mai gravare sulle casse pubbliche. Questo perché – come spiega Fabrizio Artale, presidente dell’associazione – ogni cittadino ha il dovere di contribuire al bene comune e di supportare l’amministrazione ad ogni livello.

Resta fermo però il principio secondo il quale il legame tra associazionismo e pubblica amministrazione è bidirezionale. Infatti, se da un lato le associazioni devono contribuire alla vita sociale, dall’altro chi ci governa ed amministra deve ascoltare le esigenze della comunità, certamente ben rappresentate dalle associazioni no profit che operano sul territorio da anni. Da questa naturale reciprocità nasce l’appello dell’associazione “Movimento per la Salute dei Giovani” nei confronti della Regione Siciliana.

Le famiglie rappresentate dal Movimento chiedono da anni, ed a gran voce ormai, che nel Capoluogo Siciliano venga ripristinato in tempi brevi il Reparto di Cardiochirurgia Pediatrica e per i Cardiopatici Congeniti Adulti, nonché l’attivazione di un Centro Sanitario di riferimento regionale per espletare i Trapianti Cardiaci in età infantile.

Con fermezza Artale dichiara che “non è più tollerabile attendere altri lunghi anni, considerando che a Palermo esiste il Centro Cuore dell’Ospedale ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione) in cui è attiva, anche, un’eccellente Ala Pediatrica che offre possibilità di cura a tanti bambini provenienti da tutto il mondo.”

In questo giorno di festa l’associazione “Movimento per la Salute dei Giovani” non può che augurarsi che ogni cuore trovi ciò che cerca, in particolare la dovuta assistenza medica senza che questo implichi lunghi, costosi e faticosissimi viaggi per i pazienti cardiopatici.

Di Mauro Faso

 

12 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
375 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.