Notizie

Almaviva: alla “Leopolda siciliana”. Per voi siamo solo numeri

• Bookmarks: 1


[dropcap size=big]A[/dropcap]lmaviva, azienda leader nel mondo delle comunicazioni oggi in protesta durante lo svolgimento alle ex fabbriche Sandron di Palermo della kermesse del pd Sicilia 2.0. Mentre dentro il plesso delle ex fabbriche è in corso l’evento del partito democratico, fuori gli operatori del call center protestano chiedendo l’attenzione delle istituzioni sulla loro vertenza. Almaviva che conta circa quattromila dipendenti sul territorio palermitano,e oltre ottomila sull’intero territorio nazionale, da oltre 3 anni non riesce a garantire ai propri dipendenti un contratto a tempo indeterminato. Come dichiarato, infatti, da alcuni dei lavoratori oggi in protesta li, i dipendenti da circa tre anni vanno avanti sotto contratto di solidarietà. I contratti di solidarietà sono accordi, stipulati tra l’azienda e le rappresentanze sindacali, aventi ad oggetto la diminuzione dell’orario di lavoro al fine di mantenere l’occupazione in caso di crisi aziendale e quindi evitare la riduzione del personale. Il 19 febbraio i dipendenti hanno ricevuto la nefasta notizia che a causa del mancato rinnovo del contratto tra Almaviva e Wind, la società si troverà costretta a licenziare mille e settecento dipendenti. Gianluca Pattavina, dipendente Almaviva, si fa portavoce dei colleghi durante la manifestazione, sottolineando che ciò che loro chiedono è il dialogo con le istituzioni al fine di addivenire ad una riforma del sistema dei call center che poggi su due pilastri essenziali: delocalizzazione degli stessi in paesi come l’Albania; regolamentazione delle gare d’appalto basate unicamente su un criterio al ribasso che non tiene conto della qualità del lavoro prestato dagli operatori. Infine, i manifestanti chiedono l’intervento del presidente della regione Crocetta, che ha abbandonato a se stessi gli operatori, rimanendo inerte difronte i loro licenziamenti.

KKKKK
89 views
bookmark icon