Cronaca

La Polizia sorprende ed arresta un palermitano, nell’atto di depredare carico di agrumi nel terreno sottoposto a sequestro, a seguito dell’ alluvione dove persero la vita nove persone

• Bookmarks: 11


Casteldaccia (PA): La Polizia di Stato sorprende ed arresta un malvivente palermitano, nell’atto di depredare un consistente carico di agrumi nel terreno sottoposto a sequestro, a seguito del tragico alluvione dello scorso novembre ove persero la vita nove persone 

Ieri, La Polizia di Stato ha tratto in arresto M.I., 56enne palermitano con precedenti di polizia, poiché colto nella flagranza di furto aggravato di limoni all’interno di un agro, sottoposto a sequestro preventivo e tristemente noto dallo scorso novembre: si tratta del terreno, ricadente nel comune di Casteldaccia ove, il 3 novembre scorso, 9 persone, presenti all’interno di una casa, furono investite dall’incontenibile onda d’urto del fiume Milicia, ingrossato dalle abbondanti piogge. Da allora l’intera zona è stata sottoposta a sequestro preventivo e gli accessi alla vasta area sono interdetti da transenne. Tale interdizione è stata violata, nella giornata di ieri, dal 56 enne che, a bordo di un furgone, ha fatto accesso alla zona ed è stato notato da alcuni astanti che non hanno tardato a segnalare la circostanza al “113”.

I Poliziotti del Commissariato di Bagheria hanno velocemente raggiunto il luogo segnalato ed hanno percorso la strada a bordo della vettura fin quando il tragitto lo ha consentito; hanno proseguito poi a piedi fino a raggiungere un luogo interessato da fitta vegetazione e da alberi di agrumi.

Proprio agli alberi di limoni, l’uomo aveva rivolto la sua attenzione tanto da averne già sottratto 350 kg dagli alberi, poi travasati in grossi contenitori. Per raggiungere l’obiettivo aveva con sé tenaglie, forbici e guanti che sono stati sequestrati dai poliziotti.

M.I. è stato tratto in arresto e condotto presso gli uffici del Commissariato di P.S. “Bagheria”,mentre il voluminoso carico di limoni è stato devoluto in beneficienza ad un ente caritatevole locale.

 

11 recommended
comments icon0 comments
0 notes
147 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *