Libri

Acireale, Fidapa e BCsicilia presentano il libro di Simona Lo Iacono “L’albatro”

• Bookmarks: 3


Nell’ambito delle iniziative “Rassegna giovani autrici” e “30 Libri in 30 Giorni” si terrà venerdì 16 Aprile 2021 alle ore 18, organizzata dalla Fidapa di Acireale e BCsicilia, la presentazione del volume di Simona Lo Iacono “L’albatro”. 

Dopo i saluti di Cettina Oliveri, Presidente Nazionale della Fidapa, di Maria Ciancitto, Presidente Distrettuale della Fidapa, Maria Teresa Di Blasi, Presidente BCsicilia Sede di Catania e l’introduzione di Alfonso Lo Cascio, Presidente regionale di BCsicilia, è prevista la presentazione di Maria Antonietta Ferraloro, Docente e saggista. Sarà presente l’Autrice. Modera la Presidente della Fidapa Sezione di Acireale Carmela Borzì. L’incontro si terrà sulla Piattaforma Zoom. Link per partecipare: https://us05web.zoom.us/j/83078681521?pwd=SWdJL3MyM21lckttOVZJbGdCRHFWQT09
Il libro. Nato a Palermo nel 1896, da una nobile famiglia siciliana, Giuseppe Tomasi di Lampedusa è un bambino solitario, uno di quelli che preferiscono «le cose alle persone» e che rifuggono la compagnia. Un giorno, dal nulla, nella sua vita arriva Antonno: un bambino bizzarro, «tutto al contrario»: se sfoglia un libro comincia dall’ultima pagina, se vuole andare avanti cammina all’indietro e conta al contrario, provando una infinità pietà per gli zeri.
Per tutto il tempo della loro convivenza non c’è verso di fargli iniziare la settimana di lunedì o di togliergli dalla testa che si nasce morendo. Eppure Antonno, «l’albatro», come lui stesso si definirà (tenacissimo, l’albatro non abbandona il capitano nemmeno nella disgrazia) è l’unico spiraglio di luce in un’esistenza altrimenti buia e solitaria, l’unica compagnia di un bambino che vede e sente più degli altri, dotato di una sensibilità particolare, che lo porterà un giorno a diventare uno dei più grandi scrittori del Novecento. Ma all’improvviso, così come è arrivato, Antonno svanisce.
Divenuto adulto, Giuseppe partecipa alla guerra del 1915-18 come ufficiale, rimanendo nell’esercito fino al 1925; dopodiché si ritira a vita privata, viaggiando e dimorando per lunghi periodi all’estero, dove si dedica alla stesura di saggi e racconti che non darà alle stampe. Sarà solo quando metterà mano a una storia che cova dentro di sé da tempo, e che ha intenzione di intitolare Il Gattopardo, che Antonno tornerà da lui, e con il suo modo di fare al rovescio accenderà in Giuseppe Tomasi la consapevolezza che «Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi».
Simona Lo Iacono è nata a Siracusa nel 1970, è magistrato e presta servizio presso il tribunale di Catania. Ha pubblicato diversi racconti e libri e  vinto concorsi letterari di poesia e narrativa. Nel 2016 ha pubblicato il romanzo Le streghe di Lenzavacche (Edizioni E/O), selezionato tra i dodici finalisti del Premio Strega. Nel 2017, ha pubblicato Il Morso (Neri Pozza), vincitore del Premio Recalmare- Sciascia.

Com. Stam.

3 recommended
comments icon0 comments
0 notes
139 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *