Notizie

All’Ospedale Buccheri La Ferla Fatebenefratelli “Formazione on the road” organizzata da O.T.O.D.I.  l’Associazione degli Ortopedici

• Bookmarks: 13


All’Ospedale Buccheri La Ferla Fatebenefratelli, giorno 26 maggio con inizio alle ore 9,00 di Palermo farà tappa il  progetto formativo nazionale itinerante “on the road” organizzato da O.T.O.D.I. (associazione di Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri d’Italia).

La formazione e l’aggiornamento professionale della società scientifica si svolgerà a  bordo di un truck adibito a spazio formativo che verrà ospitato all’interno della Struttura sanitaria di via Messina Marine, 197.  

La formazione non finisce con la specializzazione in ortopedia e traumatologia, che dura cinque anni. Occorre continuare a fare pratica sul campo, affinare la tecnica e diventare dei bravi ortopedici, utili a un servizio sanitario che ne ha sempre più bisogno e che cerca giovani medici ultraspecializzati. Perché ogni anno le fratture aumentano, non solo quelle da fragilità ma anche quelle dovute a traumi e interessano in modo trasversale tutta la popolazione, dai giovani agli anziani. Secondo le stime degli esperti, nel corso della vita, circa il 40% della popolazione mondiale incorre in una frattura di femore, di una vertebra o del polso, nella maggior parte dei casi dopo i 65 anni. E l’incidenza delle fratture correlate all’osteoporosi incrementa con l’aumentare dell’età.
«Si tratta di un evento formativo itinerante “all’americana”, basato sulla pratica sul campo, “viaggi on the road, campus” – spiega il dott. Angelo Leonarda direttore dell’Unità Operativa complessa di Ortopedia e Traumatologia del Buccheri La Ferla, Presidente dell’ASOTO (associazione regionale degli ortopedici ospedalieri) e corresponsabile scientifico dell’evento per la Sicilia – Alle lezioni frontali si alterneranno corsi pratici su tavoli operatori, con ossa sintetiche. Gli argomenti trattati spazieranno dal “damage control”, cioè le modalità e tempistiche di stabilizzazione di pazienti politraumatizzati critici al fine di ridurne inizialmente la mortalità, facilitare la cura del paziente nella fase critica preparandolo per il team che si occuperà del trattamento definitivo. Saranno inoltre analizzate le problematiche delle fratture articolari di ginocchio e caviglia con le possibilità di trattamento, dall’urgenza al trattamento definitivo con le varie metodiche. Uno spazio sarà dedicato alla stimolazione biofisica al fine di accelerare la consolidazione delle fratture con le possibili indicazioni e le peculiarità della metodica oggi definita “soft farmacology”. Un topic importante sarà dedicato alla gestione del dolore articolare con terapie infiltrative di ultima generazione. Ci saranno poi sessioni pratiche con workshop e applicazione dei vari dispositivi».

L’evento di Palermo, unico in Sicilia, è già sold out  ed ha  raggiunto un numero record di sanitari coinvolti.

Com. Stam.

13 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
116 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.