Breve

Almaviva, i sindacati sciolgono la riserva


Almaviva, finalmente trovato un accordo con i sindacati. La compagnia rinnova il suo impegno a cercare una soluzione concordata con le istituzioni palermitane per l’assegnazione di una nuova sede sociale che possa garantire la piena occupazione nel capoluogo siciliano. Dopo una trattativa durata due giorni è stato siglato un nuovo accordo di solidarietà, che sarà in vigore per i prossimi dodici mesi, e applicabile a tutti i siti presenti sul territorio nazionale. L’accordo ha consentito alla compagine sindacale di sciogliere la riserva inerente alla commessa Wind, in modo che vengano comunque salvaguardate le posizioni dei lavoratori che da mesi lottano affinché venga salvaguardato il loro posto all’interno della società. Onde evitare situazioni di abuso sull’accordo è stato previsto un apposito sistema di monitoraggio a livello territoriale, con appositi tavoli che gestiranno la corretta applicazione di quanto concordato. È inoltre prevista la mobilità volontaria e la ricollocazione dei lavoratori che hanno perso le commesse. Maurizio Rosso, segretario provinciale Cgil Slc, commenta: «Abbiamo scongiurato gli esuberi. Inizialmente si ipotizzavano fino a 2000 esuberi su tutto il territorio italiano, con l’accordo siamo riusciti a evitare tutto ciò. Cosa importante che nell’accordo si sia trovato un accordo in merito alla costituzione di un tavolo tecnico per risolvere l’annoso tema della sede del capoluogo palermitano. Ovviamente, l’azione dei sindacati non si arresterà, continueremo a livello ministeriale la battaglia per ottenere una riforma importante sulla politica della delocalizzazione e sulle aste al ribasso, con lo scopo di eliminare queste piaghe». Giuseppe Tumminia, segretario regionale Uilcom, invece commenta: «Il complesso punto di equilibrio raggiunto con la sottoscrizione dell’accordo di Almaviva ci fa affermare di esserci comprato un altro anno del nostro futuro».


Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 86
55 views
bookmark icon