Notizie

Ambiente, danni incalcolabili dagli incendi di questi giorni

• Bookmarks: 7


Nei giorni scorsi l’Italia, ma anche la Grecia, la Tunisia, l’Algeria, la Turchia, è stata avvolta da un manto terribile di incendi, che hanno causato grandi disastri, soprattutto nel bacino del Mediterraneo. In Italia le fiamme hanno colpito soprattutto le zone del Centro e del Sud, causando anche vittime e facendo stragi di animali selvatici e non.

Le conseguenze sono devastanti per la biodiversità mediterranea, perché gli effetti degli incendi non si fermano quando sono spenti, in quanto le foreste distrutte non possono più fornire i “servizi” che prima offrivano alla comunità: riduzione del rischio idrogeologico, difesa del suolo dall’erosione, assorbimento di anidride carbonica, regolazione del ciclo dell’acqua, protezione della biodiversità, mitigazione della temperatura. Gli incendi hanno arrecato danni seri alla fauna nazionale, mettendo a rischio la sopravvivenza di varie specie animali, tra cui, nel Parco Nazionale dell’Aspromonte, in Calabria, il raro driomio, un piccolo roditore endemico della regione simile a un ghiro, o in Sardegna le specie endemiche del cervo sardo, della pernice sarda, della lepre sarda. Secondo il WWF gli incendi che hanno colpito quest’anno il bacino del Mediterraneo sono conseguenza della crisi climatica, che mette a rischio il nostro benessere ed il nostro futuro sul pianeta e che dovrebbe vederci immediatamente in azione per ridurre le emissioni di gas serra. E questo renderà in Italia nei prossimi anni più che probabile l’aumento del rischio incendi. Per affrontare tale situazione, per il WWF Italia bisogna cambiare approccio, dalla gestione delle sole emergenze alla manutenzione e prevenzione del territorio.

Ciro Cardinale

Com. Stam.

7 recommended
comments icon0 comments
0 notes
111 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *