Politica

Angelo Figuccia: “Tram di Palermo, con l’UGL Class Action contro tutte le criticità”


“Tra poche settimane, il tram finalmente dovrebbe entrare in funzione, ma non mancano i punti critici, a cominciare dalla viabilità”. Lo afferma il consigliere comunale di Forza Italia Angelo Figuccia, che prosegue: “Nel corso di un incontro con i vertici sindacali dell’Ugl, capitanati dal segretario regionale Giuseppe Messina, abbiamo affrontato i tanti problemi che comporterà l’entrata in funzione del tram, soprattutto per quanto riguarda la libera circolazione dei mezzi pesanti e dei pullman nelle strade dove sono stati posizionati i binari. A questo proposito, abbiamo deciso di lanciare una class action contro il Comune che permetta ai palermitani di ottenere un rapido risarcimento dei gravi disagi patiti finora e che purtroppo non scompariranno in futuro, soprattutto per le aziende che lavorano nel settore dei trasporti.

Tanto per fare un esempio, nei giorni scorsi, un autobus dell’Amat è rimasto in panne in via Mauro De Mauro, la strada che collega viale Michelangelo con viale Leonardo Da Vinci, bloccandola completamente, tanto da costringere i poveri automobilisti rimasti in coda a fare un largo giro attraverso le strade di Borgo Nuovo per superare l’empasse. Ebbene, per rimorchiare il pesante mezzo è dovuto intervenire uno speciale carro attrezzi dell’Amat, che ha dovuto percorrere a marcia indietro un bel tratto di strada. E se in quel momento passava un’ambulanza in emergenza? O se una pattuglia delle forze dell’ordine stava inseguendo qualche delinquente?

Stesso problema, anzi peggio, si può riscontrare sul cavalcavia di corso Calatafimi su viale Regione Siciliana, dove i binari del tram non sono separati dalle barriere, ma possono essere facilmente percorsi anche dalle automobili in transito, tanto che ci chiediamo cosa succederà in caso di passaggio contemporaneo di tram e auto. Ci sarà un vigile urbano a fermare l’uno o l’altra? Chissà. Ma l’elenco potrebbe continuare a lungo.

Per non parlare, poi, del tanto strombazzato sistema integrato dei trasporti cittadini, che finora, alla vigilia dell’entrata in funzione del tram, o almeno lo speriamo, non ha trovato alcuna applicazione pratica. Ci permettiamo, quindi, di dare al sindaco Orlando un piccolo suggerimento: se si vuole davvero incentivare l’uso dei mezzi pubblici piuttosto che le auto private, l’Amat dovrà fare in modo che con un unico biglietto si possa utilizzare qualunque mezzo di trasporto pubblico, come avviene da decenni in qualsiasi città italiana ed europea”.
Com. Stam.


Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 86
46 views
bookmark icon