Cronaca

Bastonò un diversamente abile per rapina: arrestato Foto

• Bookmarks: 11


Camporotondo Etneo (CT). I Carabinieri della Stazione di Camporotondo Etneo, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale, hanno arrestato il 26enne catanese Ignazio Giovanni TOMASELLI, ritenuto responsabile di rapina aggravata.

L’episodio è accaduto lo scorso 14 dicembre in San Pietro Clarenza ed è sicuramente la bieca espressione di un manovale del crimine ma invero, per la sua efferatezza, assume aspetti che difficilmente possono essere metabolizzati dalla coscienza civile del cittadino medio.

In particolare quel giorno intorno alle 12.30 un cinquantenne del posto, diversamente abile per un ritardo mentale, stava passeggiando in una via cittadina allorché era stato avvicinato dal guidatore di una Fiat Panda di colore bianco, sulla quale prendeva posto anche un’altra persona, il quale, sfruttando il suo stato psichico, lo ha stimolato per innervosirlo e così indurlo a tornare a casa, verosimilmente per individuare la sua abitazione.

Il malcapitato manco a dirlo, caduto nella trappola, dopo un piccolo alterco con quello sconosciuto si era diretto verso la propria abitazione dove alcuni minuti dopo, con suo immenso spavento, si era materializzato proprio quell’uomo, il TOMASELLI appunto, il quale dopo aver scavalcato il cancello d’ingresso era penetrato al suo interno, cogliendolo di sorpresa ed imbracciando un bastone.

Ma non è tutto perché il malvivente ha percosso in testa con il bastone il poveretto chiudendolo a chiave all’interno di una stanza, quindi ha arraffato un orologio ed alcuni monili nella stanza da letto degli anziani genitori dandosi poi alla fuga.

L’allarme ai Carabinieri per l’accaduto era stato poi dato dalla madre che, al suo rientro, ha appreso quanto era successo dal figlio in preda ad un forte stato d’agitazione.

Le immediate indagini esperite dall’Arma di Camporotondo Etneo si sono avvalse anche delle immagini estrapolate da numerosi sistemi di videosorveglianza installati nel paese che, con una certosina disamina dei militari, hanno documentato come la Fiat Panda fosse transitata a lungo le vie cittadine, ma hanno consentito soprattutto la certa identificazione del TOMASELLI che, tra l’altro, vanta specifici precedenti. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato associato al carcere di Messina Gazzi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Ignazio Giovanni TOMASELLI

Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 86
11 recommended
comments icon0 comments
0 notes
109 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *