Notizie

Castelvetrano-Gela: inizia la procedura che chiuderà l’anello autostradale della Sicilia. In collegamento con più di 40 sindaci

• Bookmarks: 5


Presso la Prefettura di Agrigento, questo pomeriggio il Viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Giancarlo Cancelleri, in videoconferenza, con la presenza dei vertici di Anas, ha incontrato i sindaci della provincia e dei territori che saranno interessati dalla costruzione e dal passaggio dell’importante arteria stradale che chiuderà l’anello autostradale delle Sicilia.

In una settimana ricca di aperture e consegne di importanti tratti stradali della nostra isola – commenta il Viceministro Cancelleri – sono ben contento per questo tavolo di interlocuzione e di slancio anche a progetti futuri della Sicilia. La Castelvetrano-Gela è un’opera fondamentale dal costo di circa 5 miliardi, finalmente chiuderà l’anello autostradale dell’isola e un’arteria stradale vitale per l’intera zona agrigentina.

Oggi Anas ci ha presentato lo studio di fattibilità e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti è già pronto a finanziare con 15 milioni il progetto di fattibilità.

La provincia di Agrigento purtroppo registra un significativo gap infrastrutturale e negli anni ha sofferto per l’assenza di collegamenti autostradali con il resto del territorio, per questo da mesi il mio impegno su questa provincia è determinato e costante. Il prossimo appuntamento è per gennaio 2021, quando Anas ci presenterà lo studio di fattibilità definitivo per passare velocemente al progetto, che insieme ai territori definiremo e approveremo. Iniziamo oggi quello che sarà sicuramente un lungo percorso, aver iniziato con più di 40 sindaci, l’amministratore delegato di Anas l’ing. Massimo Simonini, Don Mario in rappresentanza del cartello sociale che da mesi collabora per mantenere alta l’attenzione sulle necessità della provincia di Agrigento, credo che sia il modo migliore per iniziare” conclude Cancelleri.


Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 86
5 recommended
comments icon0 comments
0 notes
94 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *