Notizie

Class action contro Apple per obsolescenza programmata

• Bookmarks: 6


Altroconsumo, la nota associazione a tutela dei consumatori, ha citato in giudizio davanti al Tribunale di Milano Apple, chiedendo un risarcimento di 60 milioni di euro per pratiche scorrette di obsolescenza programmata.

La class action così intentata dall’associazione interesserà i proprietari di iPhone 6, 6 Plus, 6S e 6S Plus venduti in Italia fra il 2014 e il 2020, che sono stati costretti a sostituire a pagamento la batteria del loro telefonino spendendo in media una cifra di 60 euro ciascuno. L’azione giudiziaria di Altroconsumo contro Apple affonda le sue radici nel 2014, quando l’organizzazione ha raccolto un dossier con tantissimi casi di consumatori che lamentavano problemi ai loro melafonini dopo l’aggiornamento del software, tanto da essere costretti a comprare una nuova batteria per aumentare la performance del cellulare compromessa dal nuovo aggiornamento; inoltre, a seguito delle segnalazioni inviate all’Autorità garante della concorrenza e del mercato, nel 2018 il colosso californiano ha ricevuto una sanzione di 10 milioni di euro proprio per pratiche commerciali scorrette e aggressive. Con questa nuova class action Altroconsumo punta a fare ottenere ai consumatori italiani il giusto risarcimento per essere stati costretti a spendere soldi per un cambio di batteria non necessario.

Ciro Cardinale

Com. Stam.


Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 86
6 recommended
comments icon0 comments
0 notes
102 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *