Cronaca

Continua la lotta all’abbandono di rifiuti a bordo strada: denunciate 9 persone riconducibili a quattro imprese

• Bookmarks: 19


Catania. Prosegue l’attività dei Carabinieri del NIPAAF, Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale, volta al contrasto del fenomeno dell’abbandono illecito di rifiuti sui terreni limitrofi alle strade urbane ed extra-urbane, che determina la formazione di numerose micro-discariche.

Nei giorni scorsi i militari hanno rivolto le loro indagini  nella zona Nord del Comune di Catania, in varie zone fra cui lungo il Viale Giuseppe Lainò – traversa chiamata Strada Sgroppillo, rinominata dai residenti della zona con il nome di  “Via della DISCARICA”, area oggetto di numerose lamentele espresse dai residenti esasperati. Tramite apparati di videosorveglianza e successiva attività di accertamento, è stato possibile risalire a numerosi soggetti dediti all’incivile prassi dell’abbandono dei sacchetti di rifiuti, peraltro in violazione delle Ordinanze Sindacali sulla raccolta differenziata. Ma non solo, perché l’attività ha consentito di sorprendere diverse persone facenti capo ad imprese, in particolare operanti nel settore edile, che si disfacevano in tal modo di materiali di risulta, integrando così più gravi fattispecie di carattere penale.

I Carabinieri in proposito invitano i cittadini che debbono realizzare lavori edili sulle proprie abitazioni ad assicurarsi che le ditte alle quali si rivolgono rilascino prova, tramite formulari dei rifiuti, del loro corretto smaltimento.

Sono state elevate 21 sanzioni per un totale di € 12.600, inoltre sono state denunciate  alla Procura della Repubblica di Catania 9 soggetti riconducibili a 4 imprese che dovranno rispondere di gestione illecita di rifiuti.

L’abitudine di tali soggetti, immortalati dalle telecamere soprattutto in ore serali, e la conseguente formazione di numerose discariche a cielo aperto, nel periodo estivo è resa ancora più intollerabile, complice il caldo che determina l’amplificazione di cattivi odori e possibili rischi di natura sanitaria.

I controlli da parte dei militari dell’Arma, contro chi deturpa l’ambiente saranno ancora pressanti.

19 recommended
comments icon0 comments
0 notes
115 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *