Libri

Daniele Ventura presenta il libro-denuncia Cosa nostra non è cosa mia (La Zisa)

• Bookmarks: 20


Mercoledì 30 maggio, alle ore 18:00 presso la Feltrinelli Libri e Musica (via Cavour 133 – Palermo), Daniele Ventura presenta il suo libro-denuncia Cosa nostra non è cosa mia (Edizioni La Zisa). Insieme all’autore interverranno: l’inviata di Striscia la Notizia, Stefania Petix, che ha curato anche la prefazione del volume; il deputato regionale Giancarlo CancelleriRaffaele Genova di Addiopizzo, Beatrice Raffagnino, presidente  di Up Palermo; Riccardo Campolo, giornalista di  Palermotoday. Modererà Andrea Turco (Meridionews).

 

“Questa è la mia storia, la storia di un bambino divenuto ragazzo che ha combattuto contro la sua paura più grande, una paura chiamata ‘Cosa nostra’. Poco dopo aver realizzato il mio sogno con tanti sacrifici, mi sono trovato prima minacciato e poi abbandonato dallo Stato italiano, lo stesso Stato che prima ti chiede di denunciare il racket, ma che poi ti lascia in preda alle conseguenze delle tue denunce, solo e disperato. Da bambino sono cresciuto a Brancaccio, un quartiere della periferia di Palermo tristemente noto per la sua delinquenza, il rione dove la mafia ha ucciso don Pino Puglisi, una zona con mille contraddizioni e tanta criminalità.

Da piccolo non potevo scendere giù in strada a giocare con gli altri bambini, perché mentre noi, famiglia semplice, cattolica, vivevamo nella legalità, i nostri vicini avevano uno o più parenti in galera o agli arresti domiciliari, e la situazione nei dintorni del palazzo dove abitavamo non era affatto tranquilla. Ogni tanto i miei genitori si chiedevano come mai, immersi in quel mondo intriso di illegalità, tutti e sei i loro figli, grazie a Dio, non avessero preso brutte strade, costretti nella realtà di un quartiere a cui alla fine abbiamo imparato a voler bene, pur senza lasciarci contagiare dalla sua prevalente indole malavitosa”. (dall’Introduzionedell’Autore)

Daniele Ventura (Palermo, 1984) nasce e cresce nel difficile quartiere di Brancaccio, dominato dalla delinquenza. Appartenente a una famiglia modesta e di sani principi, riesce a rimanere estraneo al clima prevalentemente malavitoso del rione. Si diploma in ragioneria e svolge svariati lavori, prima di aprire un bar-ristorante nella sua città. Dovrà quindi fare i conti con la mafia e affrontare un processo che lo porterà a far condannare i suoi estorsori. Da allora è impegnato in prima linea nella lotta contro la mafia. È sposato, ha un figlio e continua a vivere in Sicilia.

Com. Stam.

20 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
332 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.