Notizie

Forte presa di posizione della Cisl “La saturazione dell’impianto di Lentini non può penalizzare le aree interne della Sicilia”

• Bookmarks: 8


«Le aree interne della Sicilia centrale meritano considerazione e non lo sfregio della trasformazione in pattumiere”. Forte la presa di posizione della CISL e della FIT di Agrigento, Caltanissetta, Enna. “La saturazione della discarica di Lentini – dicono i sindacalisti Emanuele Gallo e Mario Stagno – non può comportare soluzioni penalizzanti per un territorio che già soffre di suo.

Ci sembra scellerata la decisione del Governo regionale di trasferire i rifiuti nelle discariche di Timpazzo a Gela, di Siculiana ad Agrigento e probabilmente anche nella discarica di Cozzo Vuturo a Enna. La scelta della giunta siciliana non risolve l’emergenza rifiuti. Sarebbe a tal proposito interessante conoscere la posizione dei sindaci dei territori colpiti che dovrebbero scavalcare le SRR (Società di Regolamentazione dei Rifiuti) e chiedere con forza la realizzazione di nuovi impianti».

«Per risolvere la crisi – continuano  Gallo e Stagno – non è necessario trasferire gli impianti ai privati, infatti,  tali decisioni hanno comportato un sensibile aggravio di spese generato dal trasporto dei rifiuti in siti distanti. Senza un serio piano alternativo, che salvaguardi costi e ambiente, queste strutture sono destinate a diventare vere bombe ecologiche. Allo scopo servono piuttosto impianti all’avanguardia, capaci di invertire la consolidata pratica dello smaltimento dei rifiuti. Serve progettare e ricorrere alle specifiche misure dei bandi europei. Quello ecologico sarà il tema al centro dell’agenda dei prossimi anni. Questa sfida va raccolta puntando all’utilizzo dei fondi comunitari. Solo così il denaro disponibile può diventare reale risorsa dei territori interrompendo la vergognosa pratica della restituzione all’Europa delle somme stanziate per colpevole mancato utilizzo».

«Servono lungimiranza, competenza e fermezza nel far ricorso ad una progettualità che vada oltre il classico concetto della discarica puntando piuttosto alla realizzazione di impianti innovativi che invertano il ciclo dei rifiuti fino ad oggi adottato. Nelle aree del centro Sicilia – proseguono i due dirigenti sindacali – non mancano gli esempi cui ispirarsi. Basta citare il Forsu di Eni Rewind, società impegnata nel settore ambientale, che ha avviato il primo impianto sperimentale per il recupero e la trasformazione della frazione organica dei rifiuti solidi urbani in bio-olio utilizzato per la produzione di carburanti di nuova generazione. Il rifiuto come risorsa utile, quindi, per dare una spinta alla crescita economica nonché a sostenibilità e salvaguardia dell’ambiente così come previsto dal Green Deal».

«Positivo infine – concludono i dirigenti della Cisl, Gallo e Stagno – il dato della raccolta differenziata. Molti comuni siciliani hanno superato il 65 per cento di differenziata. Questo buon risultato non ha però determinato la riduzione della tassa sui rifiuti. Ciò provoca amarezza e rincrescimento perché ad una premialità negata la Regione contrappone il trasferimento dei rifiuti nelle aree del centro Sicilia, con tanti saluti ai cittadini virtuosi».

Emanuele Gallo Segretario generale CISL Agrigento, Caltanissetta, Enna

Mario Stagno Segretario generale FIT CISL Agrigento. Caltanissetta, Enna

Com. Stam.


Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 66

Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 86

Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 66
8 recommended
comments icon0 comments
0 notes
81 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *