Notizie

Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

• Bookmarks: 5


Nella “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”, occasione di confronto ieri per i sindacalisti Ugl sui maltrattamenti in ambito familiare e le conseguenze sui minori

Un pomeriggio intenso di ascolto e confronto ha caratterizzato ieri l’evento organizzato dalla Ugl di Catania in occasione “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”. Dirigenti ed iscritti al sindacato, coordinati dall’ufficio provinciale Pari opportunità dell’Unione territoriale del lavoro guidato da Giusy Fiumanò, hanno avviato un percorso di esame e studio delle problematiche attinenti la tematica a partire dalla violenza sulle donne in ambito familiare e le conseguenze sui minori, che durerà per tutto il 2022. A sottolineare l’importanza del momento di incontro, in una data particolarmente simbolica, ci hanno pensato l’assessore alla cultura del Comune di Catania Barbara Mirabella, che ha evidenziato il ruolo svolto dalle organizzazioni sindacali nel collaborare attivamente con l’ente locale anche sul contrasto contro ogni forma di violenza, ed il segretario territoriale Giovanni Musumeci che ricordato come la Ugl etnea continua ad essere in prima linea nelle azioni di lotta nei confronti delle discriminazioni di genere nei luoghi di lavoro ed in ogni contesto della nostra società. Nel suo intervento, invece Fiumanò, ha centrato l’attenzione sullo sviluppo di quello che sarà il cammino che vedrà protagonista nel nuovo anno il coordinamento delle pari opportunità della Ugl catanese, con l’organizzazione di diversi incontri nel corso dei quali si approfondirà l’emergenza della violenza assistita. Inoltre la responsabile, nell’esprimere un pensiero per tutte le vittime di femminicidio, ed in particolar modo Vanessa Zappalà e Ada Rotini barbaramente uccise ad Aci Trezza e Bronte, ha voluto condividere con i presenti le parole del ministro della Giustizia Marta Cartabia. Su questi pensieri, come l’impellenza di norme e procedure più adeguate, maggiore formazione e specializzazione di forze dell’ordine e magistratura, leggi più precise e ferree, la Ugl di Catania ha già auspicato che il gruppo di lavoro costituito dalle ministre del Governo Draghi possa portare presto a soluzioni nette per fermare questa carneficina. Forte ed alquanto toccante, invece, è stata la testimonianza di una dirigente sindacale che ha voluto raccontare la sua esperienza diretta fatta di maltrattamenti, anche parecchio violenti, nonché di denunce e di lenta rinascita dopo la fine dell’incubo. Senza però sottolineare come c’è ancora molto da fare nell’ambito della presa in carico, considerato che anche le istituzioni competenti si stanno man mano adeguando inseguendo un fenomeno che, purtroppo, sta dilagando sempre di più. E’ proprio su questo che la Ugl proseguirà il suo deciso impegno, perché non vi siano più violenze di genere e perché anche i minori siano adeguatamente tutelati.

Com. Stam.

5 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
65 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *