Sport

Hockey inline Coppa Italia: si scende in pista per i quarti di finale, si stringe il cerchio per arrivare alla coccarda tricolore 2021/22

• Bookmarks: 11


Il forfait dell’Edera Triste catapulta Milano in semifinale. Vicenza e Ferrara sembrano avere un qualcosa in più di Verona e Padova mentre sull’altopiano è da tripla il match fra Asiago e Monleale! 

Se da una parte si chiude un porta, quella della regular season di Serie A, dall’altra si apre quella per l’acceso alle semifinali di Coppa Italia. Certo a vederla così sembra facile, sembra quasi cosa fatta, ma per varcare quella soglia bisogna prima fare i conti con questo quarto turno che, come sempre quando c’è un gara “secca”, potrebbe nascondere più di qualche insidia. Purtroppo anche qualche sorpresa non proprio piacevole come la rinuncia da parte dell’Edera Trieste di prendere parte alla gara contro il Milano. Il roster della formazione giuliana, già in formato ristretto, è nuovamente colpito da uno stato di emergenza a causa di restrizioni di carattere sanitario (Covid) che non gli permetteranno di assolvere gli impegni di questo fine settimana. Preso atto che dovremmo tirare una riga sulla prima gara dei quarti di finale, e attendere la successiva decisione della giustizia sportiva (anche se appare scontata la vittoria a tavolino per Milano), passiamo all’hockey giocato. Disputare gare secche come queste non è mai facile, ma possiamo anche ammettere che è anche il bello del gioco. Come è bello vedere contrapposte squadre che in campionato prenderanno due strade diverse, chi si appresta a disputare il Master Round (le prime cinque) e chi il Playoff Round (le restanti cinque), ma che domani si troveranno invece a competere spalla a spalla per un altro trofeo nazionale. Essere ancora in corsa in questa manifestazione potrebbe regalare quel brio e quella motivazione in più che forse riuscirà a regalare un pizzico di imprevedibilità a queste gare. 

Campionato ma non solo – La Coppa Italia è un altro obiettivo che il Milano vuole centrare, i meneghini non lo hanno mai nascosto e sono pronti a dare battaglia anche su questo fronte. Peccato che domani debbano restare alla finestra ed assistere a ciò che accadrà sulle altre piste. Contro Trieste sarebbe stata un’ottima occasione per mantenere il ritmo di gioco, in realtà lo sarebbe stato per entrambe, ma inutile starci a pensare ora. Milano dunque passerà il turno senza “sporcarsi le mani” e va a sedersi direttamente al tavolo delle semifinaliste in attesa di conoscere chi sarà la sua prossima avversaria. 

Cambia la manifestazione ma non la sostanza. Vicenza non vuole perdere il passo con Milano ma soprattutto vuole difendere quella coppa conquistata nelle ultime 2 edizioni. Per farlo dovrà superare l’ostacolo del derby veneto contro il Cus Verona. I roster se messi su un’immaginaria bilancia la farebbero pendere dalla parte dei Diavoli, ma gli scaligeri non hanno nulla da perdere e arrivati fin qui, tanto vale giocarsi tutte le carte. A coach Corso spetta l’arduo compito di schierare la miglior formazione possibile (solo all’ultimo si saprà se sarà del match l’ex di lusso Luca Roffo) per dimostrare che il Verona sta crescendo, come lui stesso ha ammesso, e da questa gara potrebbe tirare fuori indicazioni importanti in vista della seconda parte di stagione. A far capire come stanno vivendo la vigilia di questo grande impegno i gialloblu è il responsabile del settore hockey Rossano Freschi che va dritto al punto: << Sarà una vera impresa quella che i nostri ragazzi dovranno affrontare. Un match sulla carta a senso unico, ma che Verona cercherà di affrontare comunque con determinazione, sfruttando le occasioni che verranno concesse dai vicentini >>. Deciso su ciò che i Diavoli dovranno fare è anche Samuele Baldan<< Sarà una partita tutta da giocare. Noi non sottovalutiamo nessuno perché le partite vanno disputate con impegno e ogni gara è una storia a sé. Dovremo quindi affrontarla con la giusta determinazione, poi sarà il campo a parlare. Noi comunque siamo fiduciosi anche per la Coppa Italia e speriamo di fare sempre il meglio possibile >>.

Oltre a giocarsi il passaggio del turno, il Padova deve affrontare un esame importante contro Ferrara. I fantasmi devono dimostrare, soprattutto a loro stessi, di poter riuscire a cambiare rotta, un po’ smarrita in campionato. I ragazzi di Cantele, roster permettendo (sicuro assente Masiero), hanno una grande opportunità e devono cogliere l’attimo sfruttando il Pala Raciti come slancio per questa impresa. A parlare per loro è Elia Calore che percepisce l’importanza dell’appuntamento: << Sabato ci aspetta una partita importante per la qualificazione al prossimo turno, incontreremo una squadra che arriva da un’ottima prestazione contro Asiago nel recupero di martedì. Questa gara servirà per poter dire la nostra dopo le ultime tre sconfitte e poter risollevare il morale >>. Dal canto suo il Ferrara punterà a continuare a percorrere anche la strada della Coppa così da trovarsi in corsa su più manifestazioni anche se dovrà farlo senza Alessio Lettera, il suo giocatore di maggior talento, fuori definitivamente per infortunio. Gli estensi possono giocarsi la carta della sudditanza psicologica dato che sono ben lanciati in campionato, ma attenzione a non farla diventare un’arma a doppio taglio in quanto Bellini e soci storicamente “soffrono” i fantasmi padovani. 

Il programma si chiude con la gara sull’altopiano tra Asiago Vipers e Monleale. Anche qui inevitabilmente la mente va ai due scontri di campionato nei quali, soprattutto il ritorno a Novi, ci ha regalato un match giocato alla pari e nel quale i veneti la spuntarono solo ai rigori. Stavolta la pista è invertita ed i Vipers dovranno far tornare la loro “tana” quel giocatore in più che spesso li spinge a ottime prestazioni. Non servirà solo quello ovviamente, coach Rigoni dovrà far leva sulla mentalità dei propri giocatori e guidarli al raggiungimento di questo traguardo che non è né facile né scontato. Per Monleale una vigilia non proprio tranquilla, ci sarà infatti qualche assenza nella fila dei piemontesi e coach Cintori sa che l’impegno di domani non sarà una passeggiata: << Trasferta ad Asiago sempre tostissima, scenderemo in campo per prenderci il passaggio del turno anche se con qualche assenza causata dal covid >>. Per i Vipers è il presidente Fabio Forte a fotografare il momento “così così” per la formazione arancionera: << Potrebbe essere la gara sbagliata al momento sbagliato ma spero di essere smentito dai ragazzi e che possa essere invece la chiave per tirarci un po’ fuori dalle “sabbie mobili” in cui ci siamo messi da un mese a questa parte. Monleale è un avversario assai problematico. Possono presentarsi con un roster davvero di primissima qualità essendo, di fatto, un misto fra il Monleale ed il Real Torino. Per noi, l’arrivare alla semifinale di Coppa Italia, sarebbe il giusto premio ad una prima parte di stagione vissuta da protagonisti e sono convinto che comunque, avversario a parte, tutto dipenda dalla volontà e attenzione che sapremo mettere in pista!. Quindi proviamo a passare dalla filosofia alla pratica…>>.

Non importa come stia andando il campionato, sabato questo non conta, qui non ci sono né classifiche né punti, ma solo un obiettivo: vincere! Una gara, passo dopo passo, solo così si potrà mantenere vivo il sogno di coppa. 

Coppa Italia – Il programma dei quarti di finale (sabato 5 Febbraio 2022)

Ore 18:00 HC Milano – Edera Trieste (Arbitri: Rigoni D e Rigoni M. ) – Rinuncia Edera Trieste

Ore 18:00 Diavoli Vicenza – Cus Verona (Gallo e Slaviero)

Ore 18:30 Ghosts Padova – Ferrara Warriors (Ferrini e Marri)

Ore 20:30 Asiago Vipers – Monleale Sportleale (Grandini e Monferone )

SEGUITECI:  

Risultati live: https://bit.ly/RisLive  

Web TV:  https://bit.ly/FisrTV o  Youtube   

Su Fisr.ithttps://bit.ly/Fisrit 

Facebook: https://bit.ly/FisrFB 

Instagram: https://bit.ly/FisrIG 

Twitter: https://bit.ly/FisrTW

foto Vanessa Zenobini e Michela Ceccarelli

Com. Stam.

11 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
145 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.