Notizie

I ricercatori stanno sviluppando in laboratorio ghiaccio che non si scioglie

• Bookmarks: 12


I cubi di raffreddamento contengono più del 90% di acqua e altri componenti per mantenere e stabilizzare la struttura. Il “Jelly Ice Cube” non si scioglie, è compostabile e plastic free. Ciò potrebbe rivoluzionare la refrigerazione nell’industria alimentare

I ricercatori dell’Università della California, a Davis, hanno sviluppato un nuovo cubo di raffreddamento che potrebbe rivoluzionare il modo in cui il cibo viene raffreddato e spedito senza fare affidamento sul ghiaccio o sugli impacchi freddi tradizionali. I “cubetti di ghiaccio in gelatina” privi di plastica non si sciolgono, sono compostabili e antimicrobici, prevenendo la contaminazione incrociata. “Una volta che il ghiaccio si scioglie, non può essere riutilizzato”, afferma Gang Sun, professore presso l’Istituto di ingegneria biologica e agricola. “Pensavamo di poter realizzare qualcosa chiamato ghiaccio solido che servisse da mezzo di raffreddamento e fosse riutilizzabile”. I ricercatori stanno lavorando allo sviluppo del ghiaccio non fondente da diversi anni. L’innovativa tecnologia è stata pubblicata sulla rivista scientifica Sustainable Chemistry & Engineering. I cubi di raffreddamento contengono più del 90% di acqua e altri componenti per mantenere e stabilizzare la struttura. Sono morbidi come la gelatina e cambiano colore a seconda della temperatura. Questi cubi riutilizzabili possono essere tagliati in qualsiasi forma o dimensione. “Puoi usarlo per raffreddare, sciacquare con acqua e mettere in congelatore per ricongelare per il prossimo utilizzo”. A luglio è stato depositato un brevetto per il design e il concept. I ricercatori sperano di poter eventualmente utilizzare rifiuti agricoli riciclati o sottoprodotti come refrigerante. I ricercatori hanno iniziato a lavorare sui cubi di raffreddamento dopo che Luxin Wang, professore associato presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Alimentari, ha visto quanto ghiaccio viene utilizzato negli impianti di lavorazione del pesce e come l’acqua di disgelo può contaminare i prodotti o lo scarico. “La quantità di ghiaccio utilizzata in questi impianti di lavorazione del pesce è enorme”, ha detto Wang. I test iniziali, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”,  hanno dimostrato che i cubi possono sopportare fino a 10 chilogrammi senza perdere la loro forma. Possono essere riutilizzati una dozzina di volte. “Puoi usare il ghiaccio per raffreddare per 13 ore”, dice Sun, più a lungo di quanto possa fare il ghiaccio normale, “quindi risciacqualo con un po’ d’acqua o disinfettante , lo rimetti in frigorifero ed è pronto per l’uso nella prossima missione.”

Com. Stam./foto fonte “Sportello dei Diritti

12 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
173 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.