Notizie

I rischi del web

• Bookmarks: 11


Il dipartimento Istruzione Sicilia di FI, Grimaudo: “Spieghiamo a genitori ed educatori i pericoli dei social e le sfide delle challenge Forza Italia pronta a stipulare protocolli d’intesa con enti e associazioni”

Palermo – La recente morte della piccola Antonella, a causa di una sfida su Tik Tok, ha sconvolto il mondo della scuola e messo in allarme le famiglie. Molto spesso, però, i genitori non sono in grado di spiegare ai figli i rischi connessi all’uso dei social e dei videogiochi. Ecco perché è estremamente necessario prevenire fatti del genere, diffondendo una corretta informazione. Per poter affrontare gli interventi anche a livello istituzionale, il dipartimento regionale Istruzione di Forza  Italia, la cui responsabile è la professoressa Maria Grimaudo, in collaborazione con il dipartimento Istruzione della provincia di Messina, guidato da Francesco Orifici, è pronto a stipulare protocolli di intesa con associazioni ed enti impegnati nell’educazione all’uso consapevole della rete internet e ai diritti e doveri ad esso connessi.

“Nella nostra società tecnologicamente avanzata, internet rappresenta per gli adolescenti un affascinante contesto di esperienza e di confronto – dice Grimaudo -. Ad attirarli è una sorta di maschera che permette loro di evitare un confronto diretto tramite un’identità inesistente. I social  network – aggiunge – sono spazi virtuali che producono emozioni reali. Facebook, Youtube, Instagram, Tik Tok creano dipendenze rese ancor più drammatiche dallo sviluppo tecnologico a cui abbiamo assistito nell’ultimo decennio. Tik Tok è una delle realtà più presenti nel mondo giovanile: soltanto in Italia conta quattro milioni di utenti. È una piattaforma che permette di condividere musica e video e dal 2018 è stata acquistata da una società cinese”.

Si sono verificati diversi gesti estremi riconducibili alle nuove e pericolose “challenge”, sfide di vario tipo che avvengono in rete e che si stanno diffondendo a macchia d’olio. A destare l’attenzione degli inquirenti è una pericolosa challenge online, quella di Jonathan Galindo, così come la Blue Whole o la Momo challenge.

In questo momento in cui la pandemia da COVID-19 costringe molti giovani a stare a casa, smartphone, tablet, Ipad sono sempre più usati e hanno la funzione di mezzi di aggregazione. L’abuso porta spesso a spiacevoli incontri in quello che viene definito “cyberspazio”. Il web, infatti, oltre ad essere una fantastica opportunità di studio e conoscenza, è anche un luogo pieno di insidie spesso identificate con termini molto complicati e sconosciuti. Genitori ed educatori devono assolutamente conoscerne  il significato per poter vigilare e prevenire comportamenti scorretti.

Per fare chiarezza il ministero della Giustizia ha stilato il ’Gloss@1.zero‘, una sorta di piccolo dizionario enciclopedico sui comportamenti in rete e sui termini più diffusi, come Candy girl (denudarsi davanti a una webcam per poi vendere le foto in cambio di ricariche telefoniche o regali di scarso valore economico), Grooming (la vittima viene adescata online, tramite chat e social network), Vamping, Hate speech, Sexting e Hikikomori.

“Per arginare questi gravi comportamenti occorre sensibilizzare l’intera società e soprattutto cercare azioni d’urto che coinvolgano famiglie ed agenzie educative – sottolineano Grimaudo e Orifici -. Un valido supporto per i genitori sono le iniziative che hanno l’obiettivo di far riflettere e dare la corretta percezione dei rischi e delle responsabilità”.

La Fondazione Carolina rappresenta, ad esempio, un valido supporto alle famiglie e alla comunità. La fondazione ha raccolto la sfida di Paolo Picchio, papà di Carolina, prima vittima acclarata di cyberbullismo, che si è tolta la vita nel gennaio del 2013. Scopo della Fondazione è quello di realizzare un futuro in cui il web sia un “luogo” sicuro per i bambini e gli adolescenti, coinvolgendo tutti gli attori corresponsabili della crescita dei minori e del loro sviluppo consapevole. Dalla data di costituzione della Fondazione, si sono attivate sinergie e collaborazioni con istituzioni impegnate nella prevenzione del cyberbullismo e dei reati digitali.

Esistono poi iniziative portate avanti da “Genitori Connessi”, progetti sostenuti da vari Comuni, service clubs, amministrazioni provinciali, istituti scolastici. Anche a Palermo è nato un gruppo guidato da Francesco Zanca e un altro, molto attivo, Palermo Mamme. 

Grimaudo e Orifici concludono ricordando le parole le parole dello psicologo Gianluca Lo Presti:“Ai vostri figli non dovete togliere Tik tok, e neppure togliere il cellulare. Dovete invece aggiungere tempo. Perché se un problema non si manifesta in un contesto social, si manifesterà in un contesto sociale”

Com. Stam.

11 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
194 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.