Notizie

I turni di notte comportano un rischio cardiaco più elevato

• Bookmarks: 10


Fino al 35% in più di malattie cardiache. A sostenerlo uno studio che ha analizzato i dati di 284.000 persone dai registri britannici.

Circa il 21 per cento della popolazione attiva in Europa lavora in qualche modo a turni. Per la prima volta, gli scienziati hanno ora dimostrato una correlazione tra i turni di notte e l’insorgenza di fibrillazione atriale del cuore. Il rischio aumenta fino al 18%, quello di malattia coronarica fino al 35%, mostra uno studio sull’European Heart Journal (European Society for Cardiology; ESC). Yingli Lu (JiaoTong University/Shanghai) e Lu Qi (Tulane University a New Orleans/USA) hanno valutato i dati di 283.657 persone della “UK Biobank” ufficiale britannica con un periodo di osservazione di dieci anni. 283.657 di queste persone non avevano fibrillazione atriale all’inizio dell’osservazione, 276.009 non avevano ictus o insufficienza cardiaca cronica.L’età media era di circa 53 anni. Quasi il 47% erano uomini. Il 71,4 per cento di coloro che non lavoravano di notte dormiva dalle sette alle otto ore al giorno, rispetto a solo il 64,9 per cento di coloro che lavoravano di notte. La percentuale di fumatori o ex fumatori era più elevata tra coloro che lavoravano di notte (attualmente: 9,8 per cento senza lavoro notturno, 14 per cento con turni di notte). Le persone sottoposte al test erano sia dipendenti che lavoratori autonomi. Senza poter dimostrare un effetto causale, lo studio mostra almeno una forte correlazione tra turni di notte e malattie cardiache. “Tra i partecipanti che attualmente devono fare turni di notte o più di dieci anni di tale lavoro o che hanno completato da tre a otto turni di notte entro un mese nella loro precedente vita lavorativa, il rischio di malattia coronarica (ad esempio infarto) era 22 percento, 37 percento o circa il 35 percento in più “, ha scritto l’European Heart Journal. Il rischio di fibrillazione atriale è aumentato del dodici per cento quando i turni di notte vengono attualmente svolti su base regolare, rispetto alle persone che lavorano solo durante il giorno. Dopo dieci anni di turni di notte, questo rischio è aumentato del 18%.Nell’emisfero occidentale, è probabile che circa il 2-3% delle persone soffra di fibrillazione atriale. Circa un terzo di tutti gli ictus è causato dalla fibrillazione atriale, perché possono formarsi coaguli di sangue che entrano nel cervello. Questa forma più comune di aritmia fa sì che gli atri del cuore svolazzino in modo incontrollabile. Il risultato è spesso la formazione di coaguli di sangue che possono sparare nel cervello e innescare ictus lì. Secondo il nuovo studio, i turni di notte hanno maggiori probabilità di essere associati alla fibrillazione atriale, soprattutto nelle donne: per loro il rischio è aumentato del 64 per cento rispetto al puro lavoro diurno. Un aspetto positivo: lo sport di resistenza riduce anche il rischio di danni cardiaci quando si lavora in turni con intensità crescente. Tuttavia per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, questi dati evidenziano la necessità di maggiori tutele per tutti quei lavori che sono sottoposti a questo tipo di turnazioni. Garanzie che riguardano sia adeguati controlli sullo stato di salute che sempre più adeguati riconoscimenti in sede salariale che compensino gli squilibri evidenziati se non vi sia la possibilità di ridurre il ricorso al lavoro notturno.

Com. Stam./foto fonte “Sportello dei Diritti

10 recommended
comments icon0 comments
0 notes
93 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *