Sport

Il ct della corsa Massimiliano Presti fa il punto in vista dei WSG

• Bookmarks: 11


Dopo gli ottimi risultati europei, in cui la Nazionale italiana corsa si è posizionata al primo posto del medagliere, il ct Massimiliano Presti fa il punto della situazione in vista dell’importante appuntamento argentino con la terza edizione dei World Skate Games. In modo particolare le gare di pattinaggio corsa si svolgeranno a Buenos Aires (strada e maratona) e a Vicente Lopez (pista) dal 23 ottobre al 16 novembre 2022.

“Come spesso accade alla vigilia di una competizione iridata, non sappiamo cosa aspettarci. Le altre Nazioni sono sempre più competitive: hanno tante risorse e molti margini di crescita, soprattutto in Sud America. Dal canto nostro l’Italia può vantare una grande tradizione, ma da sola non è più sufficiente. Dopo anni di lavoro da parte delle società, dei tecnici e della Federazione eravamo arrivati al punto di avere più di un atleta pronto a lottare per una medaglia importante; oggi, dopo aver perso alcuni elementi di punta della Nazionale, andremo in Argentina con una formazione a cui, posso affermare con certezza, non mancheranno la personalità e la voglia di far bene”.
E per quanto riguarda le condizioni meteo del Sud America, ambiente potenzialmente caldo e umido, il ct Massimiliano Presti prosegue: “Per esperienza posso dire che gli atleti italiani hanno uno spirito d’adattamento al di sopra degli standard, perciò sul clima e sulla location delle gare mi sento abbastanza fiducioso. I raduni proseguono, finora abbiamo svolto dei test con un gruppo ristretto della Nazionale. Questi test ci sono serviti per fornire un feedback e delle indicazioni agli allenatori sia attraverso i nostri tecnici, sia tramite l’istituto di Scienze dello sport. Per alcuni atleti, infatti, i margini di miglioramento sono eclatanti, basta lavorarci su. Contiamo di approfondire queste tematiche durante i prossimi corsi SIRI”.
Proprio sui raduni il ct azzurro racconta: “Questo è un periodo difficoltoso per continuare a prepararsi al meglio per via delle condizioni meteo. Così i tecnici dei Senior hanno preferito finalizzare la loro preparazione con i propri atleti nelle sedi d’allenamento, mentre la categoria Junior comincerà la prossima settimana a vivere questa lunga esperienza di preparazione partendo da un raduno programmato prima della partenza. L’ideale sarebbe poter svolgere più raduni e tenere un gruppo folto di ragazzi costantemente unito; purtroppo questa soluzione è impossibile per diversi motivi tra cui gli impegni scolatici, le distanze geografiche e il budget”. Infine uno sguardo al Mondiale: “Nel 2021 avevamo avuto delle defezione importanti a causa di gravi infortuni, quest’anno abbiamo perso una Junior fresca di titolo europeo per un incidente e alcune delle nostre migliori Senior sono state coinvolte in cadute durante gli allenamenti; c’è il rischio concreto che non possano nemmeno partire. Me ne dispiace molto, ma voglio pensare che, come spesso accade, i pattinatori che vivono dei traumi tornano poi più forti di prima. Ci affidiamo al destino: non mi sento di dire nulla, ma chiederò a tutti di dare il massimo e di correre con diligenza, anche questo sarà motivo d’orgoglio. Poi se raccoglieremo frutti ben venga, altrimenti ci riproveremo il prossimo anno”.

Com. Stam./foto

11 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
71 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.