Musica

Intervista Alessandro Di Dio Masa

• Bookmarks: 18


Da qualche giorno è online “Se non suoni tu”, il singolo d’esordio di Alessandro Di Dio Masa. Un esordio particolare, perché l’artista è uno stimato compositore e produttore, nonché titolare di uno studio di registrazione a Carrara, il Musicantiere Toscana, che è anche da anni fucina di talenti come casa discografica.

Alessandro Di Dio Masa ha però voluto prendersi del tempo durante i lockdown del 2020 per scrivere un disco di canzoni tutte proprie, che ora è pronto a farci ascoltare, e a svelarci in quest’intervista esclusiva.

Quando è nato l’impulso a scrivere dei pezzi tuoi dopo tanti anni come produttore, autore e arrangiatore per altri artisti? Che necessità hai sentito dentro di te?

Faccio una premessa: ho iniziato la mia carriera tanti anni fa da musicista/chitarrista, interprete, autore e compositore, e poi per motivi di insoddisfazione per quello che scrivevo ho trascurato la parte autoriale per qualche anno. La necessità è venuta durante il lockdown in un momento di introspezione e di riflessione su quello che stava succedendo nel mondo. Pensa che, visto che in studio non poteva venire nessuno tranne che me essendo il titolare, ho realizzato e prodotto tutto il mio progetto da solo producendo e registrando tutti gli strumenti. Avevo le idee molto chiare e sono stato velocissimo: in 45 giorni ho prodotto quasi tutto l’album.

Il primo di questi brani si chiama “Se non suoni tu”. Che tipo di canzone è?

Il testo del brano mi è stato proposto “come regalo” da un amico, poi lo abbiamo risistemato insieme. È un brano che parla della mia dedizione e passione verso la musica.

Qual è il messaggio che hai voluto trasmettere con questa canzone?

L’invito a chi vuole intraprendere questo mestiere di farlo sul serio con passione, dedizione e studio.

“Se non suoni tu” anticipa un intero disco di inediti. Cosa ci puoi dire a proposito di quest’album? Avrà un sound simile a quello di questo brano o ci saranno delle sorprese?

Sì! Anticipa un progetto con altri 12 brani. È un album che contiene brani pop con diverse tematiche sull’amore, sui figli, sul mio cane fedele amico peloso e anche su personaggi famosi.  Il sound è abbastanza vario. Sorprese? Sì, alcune, ma adesso preferisco non spoilerare.

Quali sono gli insegnamenti più importanti che hai tratto dalle tue collaborazioni con nomi fondamentali come Renato Zero e Lina Wertmuller?

Gli insegnamenti principali direi che sono stati quelli della disciplina, della preparazione, della personalità che bisogna avere per crearti nel tempo uno stile forte e soprattutto personale.

E dell’esperienza come primo insegnante di chitarra di Francesco Gabbani che cosa ci puoi dire?

Francesco ha iniziato a studiare con me alla tenera età di nove anni e già a dodici blueseggiava e jazzeggiava bene! A sedici anni mi faceva ascoltare le sue prime composizioni e devo dire che erano molto interessanti. Sapevo già che in qualche maniera prima o poi ce l’avrebbe fatta, perché è sempre stato musicale, sensibile e determinato, e soprattutto non è mai assomigliato a nessuno: aveva già un suo stile ben definito fin dall’inizio. Sono felice che abbia raggiunto il successo meritato e che sia rimasto il solito Franceschino umile, simpatico e ironico che affettuosamente, viste le mie origini geografiche, quando ci vediamo o ci sentiamo per telefono mi dice “Minchia Maestro come stai?”  

Come si conciliano i tuoi impegni come cantautore, arrangiatore, produttore e gestore di un’etichetta e di uno studio di registrazione?

Si conciliano bene, anche se sono immerso nel mio lavoro 10/12 ore al giorno dedicando tutto il tempo sia a me che agli artisti che seguo! Sono felice ma soprattutto mi sento molto fortunato a poter fare questo lavoro di compositore, produttore, arrangiatore, editore, e come dice un amico scherzando sul mio cognome, anche di Masager (Manager).

Com. Stam./foto

18 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
187 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.