Musica

Intervista  con Luca Gemma

• Bookmarks: 13


É uscito giovedì 30 giugno 2022 per Adesivadiscografica “Nè santo nè killer“, il nuovo singolo di Luca Gemma.

Un nuovo capitolo che è il secondo brano, dopo “Sul precipizio” (pubblicato a fine aprile), ad anticipare il nuovo album che uscirà a settembre. È un pezzo lunare e un po’ marcio in cui un basso distorto, un piano elettrico ostinato e le percussioni minimali della strofa sfidano gli archi distesi, la chitarra acustica e un beat elettronico creato da Paolo Iafelice – che ha mixato il disco – sul ritornello. La canzone si regge su questa tensione che si scioglie in una coda strumentale in cui il fischio prende il posto della voce: quello è il duello finale! 

Sì, perché “Né santo né killer è un duello tra il buono e il brutto e cattivo che convivono in (quasi) ognuno di noi, è un’anima divisa in due che si ricompone solo grazie alla musica e alla natura, magnifiche e ‘inutili’ cose nell’era dell’utile, con il loro potere salvifico. Perché, come dice il ritornello, ‘la nostra più grande fortuna è stata l’idea di chiudere nelle canzoni violenza e paure’, in attesa della ‘grazia che fiorisce quando meno te lo aspetti’. 

Nonostante il caldo, lo abbiamo intervistato.

1. Che cosa è cambiato in questi cinque anni e in che modo quest’assenza avrà un riflesso nel tuo disco in uscita?
La pandemia ha stravolto la vita quotidiana di tutti, anche se io il disco in realtà l’ho iniziato dentro casa come sempre, facendo i provini dei pezzi nuovi. Solo che con il passare del tempo da casa non si usciva e i provini molto lentamente si sono trasformati nei brani definitivi. Alla fine, quando hanno ‘aperto’ le regioni, sono andato a registrare le voci in una casa al mare vicino Roma. Poi ho dato tutto il materiale a Paolo Iafelice che lo ha sistemato e mixato nel suo studio. È un disco fatto totalmente da solo e quindi in modo diverso da come avevo sempre lavorato, ma va bene così. Ne ho approfittato per divertirmi molto e imparare qualcosa.

2. Alla tua attività come musicista si è anche affiancata la tua attività di autore. Com’è successo? O, in altre parole, come si finisce a scrivere per Fiorella Mannoia?
Il contatto con lei è avvenuto grazie a Vittorio Cosma che stava producendo il primo album dei Rosso Maltese, “Santantonio”, che conteneva il brano “Apri la bocca”, e stava contemporaneamente lavorando in studio a un suo album. Le fece sentire le nostre canzoni e quando nell’album successivo, “Belle speranze”, la Mannoia decise di scegliere autori nuovi, si ricordò di quel pezzo e lo volle cantare, insieme a un brano degli Avion Travel e due di Daniele Silvestri. Anni dopo mi ha fatto molto piacere che lo abbia inserito nel suo primo best of. Questa cosa ha creato nuovi contatti e mi ha portato a scrivere anche per Malika Ayane, più volte con Patrizia

Laquidara, Bobo Rondelli, Steve Piccolo, Cesare Malfatti e per radio, tv, cinema e teatro. Ma ovviamente ci sono anche i pezzi che non arrivano alla meta. L’ultimo per esempio era un brano che Mauro Pagani aveva scelto per Ornella Vanoni nell’album da lui prodotto l’anno scorso. È stato in gara fino all’ultimo giorno e poi niente. That’s life!

3. È diverso scrivere per sé stessi, invece di scrivere per altri? In che modo?
Le cose solitamente per me vanno in due modi differenti. Nel primo caso scrivo una canzone liberamente e strada facendo mi accorgo che non si adatta a me come cantante. Nel secondo caso invece mi propongono di scrivere per una o un cantante e allora, come in un lavoro attoriale, gioco a immaginarmi il suo mondo e la sua voce che la interpreta.

4. Com’è stato per te il periodo del lockdown? E com’è stato per te ricominciare in questo periodo?
Così strano da risultare interessante all’inizio, molto pesante nella seconda fase. Ricominciare a progettare ed essere di nuovo liberi di fare qualcosa è una bella sensazione.

5. Cosa c’è nel futuro di Luca Gemma?

Sicuramente fare concerti con la band e suonare questo nuovo album in giro, a partire da ottobre.

Com. Stam./foto

13 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
109 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.