Notizie

“Ne’ pena di morte ne’ morti per pena”. Cuffaro: “il carcere luogo dove la gente si lascia morire”

• Bookmarks: 10


“Né pena di morte, ne morti per pena” è il titolo del convegno che si è svolto oggi presso l’Aula Mattarella di Palazzo dei Normanni, a Palermo.

L’incontro, presentato da Eleonora Gazziano, responsabile regionale degli art. 3 e 27 della Costituzione Italiana per la Dc, da Lidia Licata, dirigente provinciale di partimento Giustizia della Dc e da Sabrina Renna, componente del direttivo “Nessuno Tocchi Caino”, ha messo al centro del dibattito la situazione all’interno delle carceri italiane, dal sovraffollamento ai servizi primari fino all’aspetto educativo. Presente il commissario regionale della Democrazia Cristiana nuova, Salvatore Cuffaro.

“Le carceri italiane sono un incubo da tempo, sono luoghi dove la gente non viene rieducata ma posti di pena e, a volte, anche tutto il sistema è vessatorio – dichiara Cuffaro -. Il problema non è solo per il sovraffollamento, con stanze con il 30-40% di gente in più rispetto a quanto le celle ne potrebbero contenere, ma perché tutto il sistema che riguarda i servizi primari è vessatorio. Le celle diventano un luogo di sofferenza e proprio per questo l’Italia è stata redarguita dalla Corte dei diritti europei. Le celle purtroppo diventano luoghi dove la gente si lascia morire. Nel nostro Paese è sempre più in aumento, infatti, il numero di suicidi in cella: ci sono più suicidi nelle carceri italiane di quanto ne faccia la pena di morte negli Stati dove è ammessa. Un paese di diritti come il nostro non può non attenzionare ed umanizzare un luogo dove la gente, anche se ha sbagliato va rieducata, salvando dignità”.

Com. Stam.

10 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
93 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *