Notizie

Padova. Piano freddo ‘aggancia’ di più e norme anti-covid non scoraggiano Nalin: non c’è stato calo utenza, ma anzi più relazione con persone

• Bookmarks: 6


Venezia – I servizi di accoglienza invernale per  le persone senza fissa dimora attivati dal Comune di Padova non  hanno visto un calo degli utenti a causa del Covid. Anzi.

Lo  spiega alla ‘Dire’ l’assessore comunale al Sociale Marta Nalin.  “Quest’anno, forse anche per il freddo maggiore rispetto agli  anni passati, siamo riusciti ad agganciare anche tre o quattro  persone che finora non si affidavano ai servizi di ospitalita’”,  afferma Nalin. Le procedure anti-Covid, che prevedono tampone e  visita medica prima dell’assegnazione ad una delle strutture  disponibili, utilizzo della mascherina in tutti i locali tranne  la camera assegnata e misurazione della temperatura ad ogni  ingresso, non hanno quindi scoraggiato i soggetti senza fissa  dimora.
      Il fatto che i posti siano assegnati per tutta la durata del  periodo di accoglienza in modo da evitare per quanto possibile i  contatti tra gli ospiti delle diverse strutture, inoltre, ha  consentito di avere “una continuita’ nella relazione con le  persone”. Fortunatamente, fino ad ora non sono scoppiati focolai  nelle strutture di accoglienza, e non sono nemmeno stati rilevati  casi di positivia’. L’amministrazione comunale ha comunque  predisposto una procedura per l’isolamento dei soggetti che  dovessero presentare sintomi compatibili con il covid. 
 

Com. Stam.  fonte «Agenzia DIRE»        


Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 86
6 recommended
comments icon0 comments
0 notes
97 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *