Sport

Paralimpiadi Tokyo 2020 il Team Relay spinge in alto il paraciclismo azzurro

• Bookmarks: 10


Il bilancio complessivo alle Paralimpiadi per il gruppo di Mario Valentini è di sette medaglie: 1 oro, 5 argenti e 1 bronzo. Brilla il titolo della staffetta che ha messo in mostra lo spirito di squadra di una Nazionale che ha corso anche nel segno di Zanardi

Tokyo 2020 cala il sipario sull’avventura dell’Italia del paraciclismo. Con la prova in linea di oggi, l’ultima in programma sul circuito del Fuji Speedway, la Nazionale del CT Mario Valentini chiude l’esperienza paralimpica con 7 medaglie: 1 oro, 5 d’argento, 1 bronzo, scrivendo un’altra bella pagina per lo sport azzurro. E’ la conferma che il paraciclismo resta uno dei punti di forza del movimento federale. Il bilancio è affidato alle parole del Commissario Tecnico“Abbiamo fatto vedere ancora una volta di cosa siamo capaci. Sono orgoglioso di ognuno dei miei ragazzi, che hanno mostrato lo spessore di questo gruppo, umano ancor prima che agonistico. Siamo uniti, siamo umili, siamo vincenti: questo è quello che dimostriamo prova dopo prova”.

numeri parlano chiaro: l’Italia del ciclismo occupa il quinto posto per numero di metalli conquistati in questi Giochi, confermandosi come riserva di medaglie per il movimento paralimpico italiano e proiettandosi al secondo posto del ranking dietro al nuoto.

Sette podi per undici atleti è il riassunto della prova di forza degli azzurri, partiti subito forte con 4 argenti nella cronometro (con MazzonePorcellatoCornegliani e Farroni), su un percorso duro, che ha messo in difficoltà tutti. Con le prove in linea poi sono arrivate altre due medaglie (argento, da Mazzone, e bronzo, da Aere), fino a quella d’oro del Team Relay“Abbiamo vinto la gara più bella, come diceva sempre mio figlio Mauro. Un successo che ha dato un significato diverso ai risultati precedenti e ci ha finalmente fatti esplodere di gioia. Ce lo meritiamo, è la giusta ricompensa per questi 5 anni di instancabile lavoro. Abbiamo risposto sul campo alle critiche arrivate sulle nostre scelte tecniche e ai dubbi sul nostro futuro: bisognerebbe parlare solo quando si hanno competenze e corrette informazioni. La mia porta è sempre aperta per qualsiasi confronto”.

Sui singoli il CT aggiunge: “La bella sorpresa è stata Diego Colombari, che ha sostituito più che degnamente Alex Zanardi oltre ad aver raccolto un ottimo quarto posto nella crono, alla sua prima esperienza paralimpica. Ha lavorato duramente e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Lo stesso vale per Katia Aere: in appena due anni è quella che è cresciuta di più nel gruppo. La sua è una medaglia sudata e decisamente meritata”.

E ancora: “Fondamentale è stata la grinta di Paolo Cecchetto, che ha dimostrato ancora una volta attaccamento alla maglia azzurra. La stessa che non è mancata in Luca Mazzone, regolarista del terzetto, che avrebbe potuto prendersi un oro anche nella cronometro, sfiorato per 26 centesimi.

Però, come dico sempre, è tutto scritto: il destino ha voluto così e noi ci prendiamo quello che ci offre”.

LA GARA DI OGGI – Nella prova in linea della classe C4-5 maschile arriva l’ottavo posto di Andrea Tarlao, che chiude davanti all’altro azzurro in gara, Pierpaolo Addesi, nono. A trionfare è il francese Kevin Le Cunff (classe C5), che copre i 92.4 km previsti in 2:14:49, staccando pian piano tutti gli avversari; medaglia d’argento per l’ucraino Yehor Dementyev (classe C5), che chiude la gara in 2:15:11, a 0:22 dall’oro. Bronzo per il neerlandese Daniel Abraham Gebru, che giunge al traguardo in 2:15:20, a 0:31 dal vincitore.

Com. Stam./foto

10 recommended
comments icon0 comments
0 notes
88 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *