Notizie

Pippo Zappulla Su Sicilia in zona rossa: Musumeci e Razza hanno fallito

• Bookmarks: 5


«E’ surreale che, dopo mesi di scontri con il governo nazionale, di atteggiamenti compiacenti verso quanti non intendevano applicare rigorosamente le disposizioni, oggi Musumeci affermi l’esatto contrario ed esorti a non giocare con la vita e la salute dei cittadini». 

A dirlo è Pippo Zappulla, segretario regionale di Articolo Uno in Sicilia.  «Il presidente della Regione Siciliana dovrebbe – continua Zappulla – chiedere scusa alla stragrande maggioranza dei siciliani che quelle cautele e disposizioni le hanno applicate con sacrificio e con serietà. Chiedere scusa ai cittadini che per mesi hanno visto Musucmeci contestare la durezza delle scelte nazionali e oggi si ritrovano con due settimane di lockdown appena camuffato. La verità è che siamo a duemila contagiati al giorno con il tracciamento precario se non inesistente, con i nostri ospedali con gravissime difficoltà organizzative a gestire l’emergenza e con segnali di precaria programmazione nella distribuzione e somministrazione dei vaccini. Ma questo è il tempo della responsabilità e non delle polemiche, è il tempo di combattere tutti il covid e di tutelare la salute dei cittadini e però presto spero   sarà pure il tempo di dare conto e ragione ai siciliani di questi comportamenti, degli errori e delle strumentalizzazioni» 

«Ora è il tempo di rispettare – conclude il segretario regionale di Articolo uno – con assoluto rigore le disposizioni e i divieti ed è bene che lo si dica in particolare modo a quanti, pochi cittadini certo ma ugualmente pericolosi, con leggerezza e superficialità hanno contributo a farci diventare zona rossa, di fatto lockdown». 

Com. Stam.


Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 86
5 recommended
comments icon0 comments
0 notes
109 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *