Mostre

Polifemmes, arte e detenzione

• Bookmarks: 4


Il 12 giugno al via la mostra delle opere realizzate negli istituti penali per minorenni di Catania e Pontremoli

Sabato 12 giugno, in occasione dell’evento “Non chiamatelo amore”, promosso e organizzato dall’assessora alla Cultura e alle Pari Opportunità del Comune di San Gregorio, Giusy Lo Bianco, verrà esposta  al pubblico la mostra d’arte “Polifemmes”, a cura di Ivana Parisi dell’associazione La Poltrona Rossa.

Le opere sono state realizzate dalle ragazze e i ragazzi ristretti degli Istituti Penali per Minorenni di Pontremoli (Toscana) e Bicocca di Catania durante i laboratori artistici svolti dagli operatori culturali dell’associazione. La mostra raccoglie le più belle opere galeotte realizzate e inserite nella Collezione Galea di proprietà della stessa associazione.

Ma chi sono le Polifemmes? «Sono le figlie dei ciclopi, mostri, titani divini con un occhio solo che vivono sotto terra – spiega Ivana Parisi . Conoscono l’arte e l’artigianato e fabbricano i fulmini al dio Zeus. Le Polifemmes sono invisibili perché vivono nelle grotte e dentro i vulcani, senza poterne uscire. La loro è una vita crudele, senza regole e ne sono oppresse. Le Polifemmes non possono emergere, perché la società non le vuole. Queste giovani titane nascoste fanno paura a Zeus e il loro silenzio sotto terra è un grido soffocato. Il grido di chi denuncia il fallimento della società».

Dal 2013 La Poltrona Rossa promuove e sviluppa progetti artistici e teatrali nei due Istituti Penali per Minorenni della Toscana e della Sicilia. I progetti sono sostenuti con i Fondi Otto Per Mille della Tavola Valdese e dal Ministero della Giustizia, Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità. «A Catania, presso l’Istituto penale per Minorenni di Bicocca –, continua Parisi – grazie alla disponibilità  manifestata da parte della dirigente Letizia Bellelli e di tutto il personale interno che lavora nella struttura detentiva, continuiamo a lavorare su progetti artistici e teatrali. Questo per noi operatori culturali è un segno importante che ci conferma l’importanza del ruolo che hanno la cultura e l’arte nell’ambito di un percorso rieducativo per i e le minori che in passato hanno intrapreso una strada tortuosa e senza sbocco».

L’evento  Non chiamatelo amore è ad ingresso gratuito ed è aperto al pubblico il giorno 12 giugno alle ore 18:00 presso l’Auditorium Carlo Alberto dalla Chiesa in via Carlo Alberto dalla Chiesa n.6 a San Gregorio di Catania.

Per info: Ivana Parisi 3400760481 – info@lapoltronarossa.it.

Com. Stam.

4 recommended
comments icon0 comments
0 notes
80 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *