Notizie

Proteste e indignazione degli scienziati e ambientalisti contro la fattoria di polpi prevista nelle Isole Canarie: “Sono esseri senzienti”

• Bookmarks: 9


Sono “esseri estremamente intelligenti e sensibili, in grado di provare emozioni simili a quelle umane”, dicono gli esperti.

Scienziati e ambientalisti hanno iniziato una crociata contro la prima fattoria commerciale di polpi al mondo che un’azienda spagnola aprirà nel 2022 a Gran Canaria, con l’obiettivo di produrre 3 miliardi di tonnellate all’anno. L’annuncio ha provocato un misto di costernazione e indignazione tra gli scienziati, che affermano che i polpi sono animali estremamente intelligenti e sensibili, in grado di provare dolore ed emozioni simili agli umani, quindi, a loro parere, non dovrebbero essere commercializzati come cibo in ogni caso. I piani dell’azienda sono stati denunciati da un gruppo internazionale di ricercatori come “eticamente ed ecologicamente ingiustificati”. Tutti i test effettuati su esemplari di questa straordinaria specie sono riusciti ad affascinare gli scienziati. I polpi sono autocoscienti, in grado di risolvere problemi complessi, imparare dai loro errori, giocare solo per divertimento, strategizzare la caccia, godere di una memoria eccellente, avere un’enorme capacità di apprendimento e mostrare tratti di personalità stabili. Alcuni esemplari sono maliziosi, altri tranquilli, alcuni allegri, ci sono scontrosi, molti timidi, più soli e tutti molto curiosi (segno di intelligenza). Ci sono stati esemplari che hanno imparato da soli a spegnere le luci di una stanza gettando acqua; altri che sono in grado di rubare le trappole dei pescatori, e alcuni che sono riusciti a tornare in mare dopo essere fuggiti da un acquario attraverso un tubo di drenaggio senza che i loro addestratori se ne accorgessero. Sono in grado di camminare su due gambe, sia a terra che in fondo al mare; svitare i barattoli (dall’interno e dall’esterno); smontare il sistema di filtrazione di un acquario; trasportare materiali per costruire rifugi; preparare imboscate per le loro prede; lanciare oggetti come se fossero proiettili contro i loro predatori; navigare senza perdersi in labirinti complessi e riconoscersi in uno specchio. Questo è il motivo per cui gli scienziati hanno chiesto per anni di essere legalmente riconosciuti come “esseri senzienti”, una circostanza che sta per diventare una realtà in Gran Bretagna, dove un emendamento in tal senso al disegno di legge sul benessere degli animali sarà presto votato. I politici britannici stanno quindi rispondendo a un’affermazione di un team di esperti che ha esaminato più di 300 studi scientifici e ha concluso che i polpi sono davvero “esseri senzienti” e che ci sono “solide prove scientifiche” che possono provare piacere, sentimenti complessi: emozione, gioia, dolore, angoscia, depressione … Gli esperti sospettano (non sono ancora stati in grado di dimostrarlo in modo affidabile) che i polpi sognino, perché mentre dormono sperimentano stati diversi, uno analogo al REM degli umani, e cambiano colore, come se stessero reagendo a una sorta di fantasticheria. I ricercatori che si oppongono al progetto sono “convinti” che allevare polpi con un alto benessere sia “impossibile” e incoraggiano il governo britannico a prendere in considerazione “il divieto di importazione di polpi d’allevamento”.Nel frattempo, il numero di polpi in natura sta diminuendo notevolmente e i prezzi stanno aumentando. Si stima che ogni anno vengano catturate 350.000 tonnellate di polpo, dieci volte più di 60 anni fa. Le lamentele di scienziati e ambientalisti sono ora dirette verso il Piano di Nueva Pescanova, che aprirà entro pochi mesi una fattoria commerciale di polpi nell’entroterra, vicino al porto di Las Palmas de Gran Canaria. L’azienda si difende dalle critiche assicurando che con la sua pianta impedirà la cattura di tanti polpi selvatici. Ma questo argomento non convince i difensori di questa specie unica, che continuano a pretendere di conoscere aspetti come le dimensioni dei serbatoi, quale cibo verrà dato loro o come saranno uccisi. Il gruppo che guida la campagna contro la fattoria dei polpi si chiama Compassion in World Farming (CIWF) e ha scritto ai governi di diversi paesi, tra cui la Spagna, esortandoli a vietare tali strutture. “Sono animali fantastici. Sono soli e molto intelligenti. Quindi metterli in vasche sterili senza stimolazione cognitiva fa male a loro”,afferma Elena Lara, direttrice della ricerca del CIWF. Gli scienziati incoraggiano tutti a guardare il documentario vincitore dell’Oscar 2021, intitolato “My Octopus Teacher”, intitolato in Spagna “What the octopus taught me”, per capire come sono davvero questi animali. La registrazione racconta in prima persona l’insolita amicizia che una donna polpo e il subacqueo sudafricano Craig Foster hanno avuto per quasi un anno, e l’impatto che quella relazione ha avuto su di lui. Il documentario, girato nelle foreste di alghe dell’africa meridionale, rivela alcuni dei super poteri del polpo, come la loro altissima capacità di apprendimento, la curiosità e la padronanza dell’arte del camuffamento. I membri del CIWF si rammaricano che le leggi dell’Unione europea (UE) che si riferiscono al benessere degli animali da allevamento si applichino solo ai vertebrati, alle creature che hanno una spina dorsale, escludendo quindi polpi e altri cefalopodi. Inoltre, secondo questo gruppo, attualmente non esiste un metodo scientificamente convalidato per il loro “sacrificio umanitario”.  “Abbiamo un esempio di un organismo che si è evoluto per avere un’intelligenza paragonabile alla nostra. Le loro capacità di risoluzione dei problemi, la gioia e la curiosità sono molto simili a quelle degli umani. Questo è potenzialmente ciò che sembrerebbe se incontrassimo mai un alieno intelligente proveniente da un altro pianeta. Sono esseri estremamente complessi”, afferma Jakob Vinther dell’Università di Bristol. Tra gli argomenti del CIWF contro la pianta di Nueva Pescanova c’è che potrebbe aumentare la pressione sulle popolazioni di pesci selvatici, dal momento che i polpi sono carnivori e hanno bisogno di mangiare da due a tre volte il proprio peso nel cibo per sopravvivere. “Il polpo d’allevamento potrebbe essere nutrito con prodotti ittici provenienti da stock già sovrasfruttati”, avvertono gli scienziati. La dottoressa Lara è preoccupata che i consumatori che vogliono fare la cosa giusta possano pensare che mangiare polpo di fattoria sia meglio che essere catturati in natura. “Non è affatto più etico: l’animale soffrirà per tutta la vita”, si lamenta. Significherà “solo che i consumatori facoltosi pagheranno di più per un polpo selvatico sempre più raro”, aggiunge Jennifer Jacquet della New York University. Tra gli aspetti più sorprendenti dei polpi, oltre a quelli già citati sopra, ci sono che hanno tre cuori, sangue blu, nove cervelli (o un cervello multiplo), otto braccia capaci di “pensare” da soli autonomamente e duemila ventose con cui possono sentire, odorare, gustare e usare strumenti. Di più: i polpi sono in grado di riconoscere le persone (un esemplare di un acquario neozelandese “non amava” un membro dello staff e gettava acqua nella parte posteriore del collo ogni volta che lo vedeva). Giocano con i loro coetanei, con esemplari di altre specie e persino con oggetti come vasi o pietre. E possono trasformare la forma del tuo corpo quasi senza limiti, ad esempio, per passare attraverso un buco delle dimensioni del tuo bulbo oculare. I sostenitori della fattoria dei polpi sostengono che i maiali, ad esempio, hanno dimostrato di essere intelligenti, eppure milioni di esemplari vengono ancora uccisi in un anno per produrre prodotti alimentari. Quindi chiedono: qual è la differenza tra un maiale da allevamento industriale e un polpo da fattoria industriale? La risposta degli ambientalisti, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è che la sensibilità di molti animali da allevamento, come i maiali, non era nota quando sono stati istituiti sistemi intensivi, e sostengono che gli errori del passato non dovrebbero essere ripetuti. Inoltre, a differenza di altre specie “vietare la coltivazione di polpi non lascerebbe gli esseri umani senza abbastanza da mangiare”,sottolinea Jacquet.

Com. Stam./foto fonte “Sportello dei Diritti

9 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
101 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *