Notizie

Raffaella Carrà per The Guardian ha insegnato all’Europa la gioia del sesso

• Bookmarks: 4


La Carrà come “sessuologa” d’Italia e d’Europa. Il quotidiano britannico The Guardian “sfrutta” l’uscita del musical “Explota Explota! – My Heart Goes Boom!” del regista uruguaiano Nacho Alvarez, in cui le canzoni di Raffaella Carrà fanno da filo conduttore alle vicende dei protagonisti, per celebrare indirettamente la nota artista italiana ed i suoi suoi inni “pop sessuali”, che hanno dato la scossa alla sonnolenta Italia cattolica, bigotta e democristiana degli anni ’60 e ’70 del secolo scorso.

Dal noto e ammiccante “Tuca Tuca” alla canzone “A far l’Amore comincia tu”, per The Guardian la Carrà è stata “un’icona culturale che ha rivoluzionato l’enterteinment italiano e ha dato alle donne la possibilità di prendere l’iniziativa in camera da letto”. Addirittura. All’epoca l’Italia aveva tante cantanti vocalmente più forti, come Mina, Milva o Patty Pravo, ma la Carrà per il quotidiano britannico riuscì a diventare la vera icona pop, che piaceva a grandi e piccini. E The Guardian racconta nei particolari questa “rivoluzione” del costume sociale italiano e, perché no?, europeo annunciata con l’ombelico della Raffaella nazionale sfoggiato nella prima serata tivvù a “Canzonissima”. Il Vaticano e la direzione Rai ne rimasero scandalizzati, cercando di fermarla; i critici la stroncarono, ma la forza di quella “rivoluzione” non si fermò, anzi. Il pubblico adorava le sue  canzonette facili ed orecchiabili ed i suoi balletti, decretandone l’immediato successo, nonostante tutto. Per The Guardian la Carrà nazionale “ha insegnato alle donne che il libero arbitrio in camera da letto non era scandaloso”, facendo più lei “per liberare le donne di molte femministe”.

Ciro Cardinale

Com. Stam.


Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 86
4 recommended
comments icon0 comments
0 notes
115 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *