Notizie

Ricordo di un grande artista e carissimo amico

• Bookmarks: 1


Palermo – Il 6 ottobre del 2018, dai giornali appresi la triste notizia della morte dell’attore Gilberto Idonea che due giorni prima mi aveva telefonato per gli auguri di buon onomastico.

Ebbi modo di conoscerlo vedendo un noto spot pubblicitario degli anni ’80, in cui, nei panni di un ciabattino, osservando le gambe di una procace ragazza esclamava “i cosi belli s’hannu a’ taliari!” e, più recentemente, la stessa battuta la ripeteva, nei panni di una turista inglese, che intendeva abbonarsi agli spettacoli del Teatro Metropolitan. Lo incontrai per la prima volta al Teatro Dante di Palermo con la sua Compagnia per la rappresentazione di “U sapiti, com’è”, commediadialettale di Francesca Sabàto Agnetta che esalta “la diversità”, vista come eccezione positiva del valore della persona. Da quel momento tra noi si instaurò una grande amicizia. Ci sentivamo spesso e Gilberto mi relazionava sulla sua attività. Lo rividi diverse volte al Teatro Al Massimo e in occasione della presentazione di un libro di Turi Vasile, scrittore, produttore cinematografico, regista e sceneggiatore. Nel 2016, al Teatro Jolly con la sua Compagnia, recitò “Gatta ci cova”, di Antonio Russo Giusti. Protagonista al cinema, in diversi film per la tv e sceneggiati di successo (Malèna, La scomparsa di Patò, Nati stanchi, Le conseguenze dell’amore, Un amore possibile, La piovra, Don Matteo, La donna del treno, In nome di Maria, Il delitto Notarbartolo, Diritto di difesa, Il Commissario Montalbano, L’onore e il rispetto…), Idonea era anche Direttore artistico del Teatro Metropolitan di Catania per il quale ogni anno allestiva pure un cartellone per la sua Compagnia. Considerato, a ragione, l’erede di Angelo Musco, per il modo di recitare ma anche per una certa mimica, Idonea, nel 70° anniversario della morte di Musco, presentò “One man show”, in omaggio al grande attore catanese che, dopo la Sicilia, rappresentò in Brasile, Argentina, Messico, Canada, Venezuela e in USA dove, tra l’altro, tenne delle conferenze in vari college, sul teatro siciliano (la scelta dei ruoli, lo svolgimento delle prove, e persino il modo in cui si realizzano le scene e i fondali, particolarità tutta siciliana) e a Gloucester (Massachusetts), mise in scena le commedie “L’eredità dello zio canonico” e “Gatta ci cova” di Antonino Russo Giusti. Nel 2013, in occasione della Festa Nazionale della Repubblica Italiana, nella prestigiosa cornice del Museo Storico di Filadelfia, il Console Generale d’Italia, Luigi Scotto e il Vice Sindaco Michael Dibernardinis, dopo aver sottolineato i rapporti di amicizia tra gli Stati Uniti e l’Italia, in particolare, tra lo Stato della Pennsylvania e il nostro Paese, al noto attore catanese è stato conferito il Premio come “Ambasciatore della Cultura Italiana ed in particolare Siciliana nel mondo”. Dopo la scomparsa del padre, Alessandro, anche lui attore e secondogenito di Gilberto, ha raccolto a piene mani l’eredità del padre e nel cartellone del Teatro Metropolitan ha aggiunto “Stagione a 4 Stelle” – Gilberto Idonea.

       Franco Verruso

CS


Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 66

Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 86

Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 66
comments icon0 comments
0 notes
139 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *