Notizie

Salina, l’isola della transizione energetica verde

• Bookmarks: 6


Sarà Salina la prima delle isole minori italiane a passare presto all’energia pulita grazie alla Ue, che l’ha scelta come “isola pilota” per il progetto di transizione energetica green.

La scelta dell’isola delle Eolie è dovuta alla sua notorietà (è stata set di film come “Il postino” e “Caro diario”), al suo essere punto di attrazione per tanti turisti da ogni dove, al fatto di avere già iniziato un percorso verso l’energia pulita. Partner di questo processo di transizione verso l’energia verde voluto dall’Ue e dai comuni dell’isola sono l’Enea, la Regione Siciliana, l’Ingv (Istituto nazione di geofisica e vulcanologia), l’associazione Marevivo e gli albergatori locali. A Salina abitano solitamente circa 2500 persone, che diventano oltre 12mila in estate; con le presenze aumentano anche i consumi energetici, che passano facilmente da 1100 kW a quasi 4000. Nell’isola l’elettricità viene prodotta da due centrali Enel alimentate a gasolio, gasolio che viene trasportato ancora oggi dalle navi cisterna, dato che non ci sono cavi, gasdotti o oleodotti sottomarini in grado di alimentare la “sete” di energia della piccola isola siciliana, senza contare il grande via vai di navi che devono trasportare tutto da e per la terraferma (acqua, derrate alimentari, rifiuti, ecc.). Ma il processo verso l’energia pulita è comunque iniziato. I comuni dell’isola si sono dichiarati “plastic free”, gli albergatori mettono a disposizione dei turisti veicoli e scooter elettrici, mentre per il 2025 è previsto il passaggio parziale dell’alimentazione delle centrali elettriche a biocombustibile, il trasporto pubblico con mezzi ibiridi ed elettrici, l’installazione di pannelli fotovoltaici e solari, finché nel 2050 si giungerà ad una quota non inferiore al 50% di energia green, oltre alla “produzione” in loco di acqua potabile, dissalando quella del mare.   

Ciro Cardinale

CS


Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 86
6 recommended
comments icon0 comments
0 notes
160 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *