Notizie

Sanità, dalla Sicilia la sfida nazionale all’alta formazione per infermieri e personale tecnico nei Cath Lab

• Bookmarks: 8


Emodinamica, parte dalla Sicilia la sfida dell’alta formazione per il personale tecnico-scientifico nei Cath Lab

Dal monitoraggio elettrocardiografico all’angioplastica coronarica: il potenziamento degli standard qualitativi passa dalla conoscenza dell’innovazione tecnologica

In Italia abbiamo 269 laboratori di Emodinamica, dove annualmente vengono eseguite 300mila procedure coronariche, acui si aggiungono gli interventi di cardiologia strutturale per il trattamento delle patologie valvolari, con sistemi all’avanguardia che richiedono un’alta specializzazione. In questo contesto sono oltre 500 – secondo i dati forniti da GISE (Società Italiana di cardiologia interventistica) – i tecnici e gli infermieri che nella quotidianità supportano i medici interventisti a lavoro nei Cath Lab (Laboratori dove vengono trattate e curate le coronaropatie e valvulopatie). Personale che va formato e aggiornato periodicamente, anche in considerazione delle continue innovazioni tecnologiche e scientifiche. È per questo che per la prima volta in Sicilia sono stati organizzati una serie di corsi di formazione professionale, che hanno coinvolto centinaia di iscritti tra infermieri, tecnici della fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, tecnici sanitari di radiologia medica, medici specializzandi in cardiologia ed emodinamisti.

Nei quattro appuntamenti del percorso di aggiornamento nazionale – sostenuto da Archigen e Boston Scientific, e patrocinato da Sici-Gise con l’accreditamento del ministero della Salute – si è discusso di molteplici tematiche: “Elettrocardiografia di base e monitoraggio del paziente in Cath Lab”; “Infezioni correlate all’assistenza in Cath Lab: nuove evidenze e sterilità. La sala ibrida”, “Le metodiche di imaging coronarico: IVUS” e “Trattamento delle stenosi coronariche calcifiche: nuove metodiche e tecniche consolidate per il personale tecnico infermieristico”.

I corsi hanno riposto alle esigenze di tutte le professioni sanitarie che, a vario titolo e ruolo, operano all’interno dei Laboratori di Emodinamica: un’opportunità di crescita e confronto che ha tenuto in considerazione le diverse esigenze professionali, unitamente allo sviluppo e ai cambiamenti degli scenari clinici. «La formazione online sviluppata dai colleghi siciliani nella nostra area di interesse, è stata nello stesso tempo una novità e una scommessa vinta – ha spiegato il responsabile Area Nursing & Technicians di Gise Matteo Longoni (San Raffaele, Milano) – Un’idea partita dalla Sicilia, che per la sua rilevanza scientifica ha attirato l’interesse nazionale. Il personale tecnico infermieristico è parte integrante nelle procedure cliniche ed è importante che accresca le proprie competenze. Crediamo fortemente negli eventi formativi di alto livello scientifico come quello che si è appena concluso: la numerosa partecipazione evidenzia una presa di coscienza che il professionista sta sviluppando. La formazione non può limitarsi solo a quella universitaria o all’attività interna alle strutture sanitarie, ma va condivisa con altri colleghi, per creare una sinergia tra le molteplici realtà e accrescere il know-how attraverso la rete».

Durante i corsi, che si sono svolti nei mesi di aprile, maggio e giugno, si è tenuto anche un live-case dall’Ospedale “Giovanni Paolo II” di Ragusa – eseguita da Antonino Nicosia (direttore della Unità Operativa Complessa Di Cardiologia) e dal dott. Guido D’Agosta, commentato da discussant d’eccellenza come Marco Caruso (Civico – Palermo) e Alessio La Manna (vicepresidente GISE; Policlinico – Catania) – caso unico per un evento di formazione dedicato all’area nurse and tech, per coinvolgere gli iscritti nell’attività pratica: «È emerso il bisogno di formazione da parte della componente tecnico-infermieristica, cui abbiamo prontamente dato risposta – sottolinea Giovanni Coppola (Umberto I, Siracusa), delegato Area Nursing & Technicians Gise e responsabile scientifico dell’evento insieme a Giuseppe Raneri (Sant’Antonio Abate, Trapani) – abbiamo fornito il punto di vista scientifico della nostra Società di Cardiologia Interventistica, con un documento che contiene spunti di riflessione e strumenti di lavoro per la formazione nei Cath Lab. Durante gli incontri, inoltre, sono stati trattati tutti gli aspetti legati alle attività assistenziali e chirurgiche per innalzare ulteriormente i livelli di assistenza». L’investimento in formazione, dunque, quale scommessa per la diffusione di conoscenza, grazie a una faculty tutta siciliana che ha decretato il successo dell’iniziativa.

Faculty: Benedetta Arena (Papardo – Messina), Claudia Artale (Umberto I – Siracusa), Ornella Campanella (ISMETT – Palermo), Giancarlo Cappello (ISMETT – Palermo), Marco Caruso (Civico – Palermo), Chiara Cascone (Giovanni Paolo II – Ragusa), Marco Contarini (Delegato regionale Sici GISE; Umberto I – Siracusa), Giovanni Coppola (Delegato Area Nursing & Technicians GISE; Umberto I – Siracusa), Giuseppe De Luca (Policlinico – Catania), Vincenzo Di Majo (ISMETT – Palermo), Giuseppe Gallo (ISMETT – Palermo), Roberta Gerasia (ISMETT – Palermo), Alessio La Manna (Vicepresidente GISE; Policlinico – Catania), Matteo Longoni (Responsabile Area Nursing & Technicians GISE; S. Raffaele – Milano), Antonina Lo Piccolo (Cervello – Palermo), Gianfranco Marano (Policlinico – Catania), Antonino Nicosia (Giovanni Paolo II – Ragusa), Giuseppe Raneri (S. Antonio Abate – Trapani), Luca Romano (Umberto I – Siracusa), Matteo Scalia (Policlinico – Catania), Alessandro Scarantino (S. Elia – Caltanissetta), Antonino Scardamaglia (Villa Sofia – Palermo), Andrea Vago (Ingegnere Biomedico – Milano), Giampiero Vizzari (G. Martino – Messina).

Com. Stam.


Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 66

Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 86

Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 66
8 recommended
comments icon0 comments
0 notes
109 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *