Spettacoli

Si è concluso Mish Mash Festival, grande successo di pubblico all’insegna della sostenibilità ambientale

• Bookmarks: 13


Si è concluso Mish Mash Festival, quattro giorni di musica e spettacoli dal vivo ospitati nell’Area Marina protetta Capo Milazzo all’insegna della sostenibilità ambientale

Oltre tre mila gli ingressi registrati, di cui oltre il quaranta per cento di giovani e giovanissimi provenienti da altre località della Sicilia e dell’Italia

Si è conclusa ieri la quattro giorni di musica indie, elettronica e pop all’interno dell’Area Marina Protetta Capo Milazzo. La nuova venue, immersa nel verde e nella natura ha ospitato tutti i concerti in un contesto di assoluta sicurezza, all’interno di un vero e proprio paradiso naturale dove tra sentieri e percorsi naturalistici si scoprono calette e spiagge che si snodano lungo il promontorio. 

Margherita Vicario, preceduta da Tutti Fenomeni, ha chiuso il Festival con uno spettacolo esplosivo al ritmo di contaminazioni musicali, la cantautrice e attrice ha portato in scena il suo nuovo album “Bingo”. Una boccata d’ossigeno nel panorama femminile della canzone italiana.

I festival musicali si confermano eventi cultuali particolarmente adatti alla promozione territoriale e alla sensibilizzazione verso le tematiche ambientali, a dimostralo sono i numeri di Mish Mash Festival. Questa appena conclusa quinta edizione ha ospitato oltre tre mila giovani e giovanissimi che hanno potuto assistere ai concerti e godere di un’area inedita dove tra live set, installazioni, visual e performance sono stati anche concretamente promossi i temi della sostenibilità ambientale e dell’ecologia. 

Nell’area sono stato distribuiti posaceneri da spiaggia, forniti gratuitamente ai fumatori, mentre bicchieri e bottiglie di plastica sono state sostituiti da soluzioni alternative più sostenibili. La raccolta differenziata è stata inoltre praticata tutte le sere separando i rifiuti da conferire a fine concerto. 

Il luogo predisposto alla fruizione dall’Area Marina Protetta è stato inoltre per l’occasione reso ancora più fruibile, attraverso un speciale azione di pulizia da foglie e arbusti secchi, al fine di scongiurare ogni eventuale pericolo di incendio e offrire un evento in totale sicurezza. 

Dei tremila giovani arrivati per assistere ai concerti quasi la metà, circa il quaranta per cento, provengono da città siciliane e italiane, segno che un evento culturale come Mish Mash Festival riesce attivamente a contribuire alla promozione del territorio e alla conseguente crescita di uno sviluppo turistico sostenibile e di lungo periodo. 

Il promontorio sul mare di Capo Milazzo, è stato preferito al forte trecentesco del Castello di Milazzo, che negli anni passati ha ospitato Mish Mash Festival, per poter consentire a tutti un accesso ancora più sicuro, confortevole, ampio e all’aria aperta, in considerazione dei recenti sviluppi sanitari. Scelta che ha lasciato soddisfatti gli organizzatori del Festival e i responsabili dell’Area Marina ProtettaCapo Milazzo che hanno già annunciato che anche l’anno prossimo alcuni eventi di Mish Mash Festival si terranno all’interno della stessa location.

Com. Stam.

13 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
132 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *