Evidenza

Sorpresi a rubare cavi di rame dalla linea E.N.E.L., due rumeni arrestati

• Bookmarks: 1


Ieri intorno alle 02.00 una pattuglia della Stazione Carabinieri di Bagheria, impegnata in un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione di reati predatori, fenomeni che negli ultimi mesi hanno registrato un notevole incremento nelle zone rurali dei Comuni di Bagheria e Santa Flavia, transitando in contrada “Accia”, agro al confine tra i Comuni di Bagheria e Santa Flavia, un Volkswagen Caddy con a bordo tre soggetti.
I militari intimavano l’alt per procedere al controllo, che si davano alla fuga a bordo del mezzo. Immediatamente l’equipaggio si poneva all’inseguimento del veicolo per le vie interpoderali, riuscendo a bloccare il furgone solo dopo 40 minuti di inseguimento in Contrada Suvarita, territorio del Comune di Baucina, dove nel frattempo era giunta in ausilio la pattuglia della Stazione Carabinieri di Baucina.
Durante il lungo e pericoloso inseguimento, il conducente del furgone aveva tentato di speronare e far uscire di strada l’autovettura dei Carabinieri di Bagheria, non riuscendo nel loro intento solo grazie alla prontezza di
riflessi dell’autista.
Una volta fermato il mezzo, i tre individui scendevano di corsa dal furgone, tentando di darsi alla fuga a piedi, ma due di loro venivano bloccati dai Carabinieri, mentre un terzo riusciva a darsi alla fuga saltando una
staccionata e facendo perdere le sue tracce. I due fermati venivano identificati in: Vasile Cosma, nato in Romania, classe 1983 e IOVAN Petru Bogdan, nato in Romania, classe 1996.
A seguito della perquisizione nel veicolo venivano rinvenute e sequestrate diverse cesoie, tenaglie ed arnesi da scasso, nonché una cinepresa anni 70 presumibilmente provento di furto. Le indagini permettevano di accertare che i tre, poco prima di essere intercettati dai militari operanti, avevano tranciato i cavi in rame della linea elettrica ENEL in contrada Chiarandà – Via Giovanni Gentile, agro del Comune di Santa Flavia, senza però riuscire ad asportarli poiché ancora alimentati da corrente elettrica.
I due su disposizione dell’Autorità Giudiziaria venivano tratti in arresto con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale in concorso, denunciati in stato di libertà per tentato furto aggravato di cavi in rame della rete ENEL
e per possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli.
Su disposizione del P.M. di turno presso la Procura della Repubblica di Termini Imerese, Vasile Cosma e Petru Bogdan Iovan venivano giudicati con il rito direttissimo conclusosi con la convalida e la liberazione in attesa di processo rinviato a 2 luglio prossimo.


Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 86
48 views
bookmark icon