Notizie

Stasera il Consiglio Regionale dell’Anci Sicilia deciderá su iniziative di mobilitazione e sulla convocazione di un’assemblea degli Enti locali

• Bookmarks: 7


Il Consiglio Regionale dell’ANCI Sicilia invita i sindaci dell’Isola a partecipare alla riunione che si svolgerà questa sera a partire dalle 20.30 per valutare ulteriori iniziative di mobilitazione e indire un’Assemblea degli Enti Locali Siciliani, tenuto conto delle gravi criticità nella formazione dei bilanci

Nel documento deliberato dal Consiglio regionale svoltosi lo scorso 25 maggio è stata evidenziata la necessità di ridare al bilancio di previsione, importante strumento di programmazione, un valore sostanziale per pianificare investimenti nell’interesse della comunità e per garantire servizi ai cittadini.
 
L’ANCI Sicilia considera necessario:
–      che i Livelli Essenziali delle Prestazioni (LEP) relativi ai diritti sociali e civili dei cittadini trovino concreta attuazione nelle previsioni dei Bilanci degli Enti Locali grazie a risorse adeguate che ad oggi non possono essere reperite dalla fiscalità locale;
–      superare la prolungata incertezza sull’erogazione dei trasferimenti regionali e statali quali il Fondo di solidarietà comunale e le risorse per investimenti stanziati dalla Regione;
–      ridare effettività e trasparenza al sistema dei Fabbisogni standard tenendo conto delle effettive capacità fiscali dei territori;
–      superare le attuali regole in materia di gestione dei Tributi locali e di armonizzazione contabile dei bilanci anche con riferimento  al FCDE  e all’avanzo vincolato;
–      superare l’inadeguatezza degli strumenti legislativi esistenti per garantire agli Enti locali adeguate entrate e per gestire le crisi finanziarie che portano a condizioni prolungate di pre-dissesto e al ritorno al dissesto di Comuni già dissestati.
 
Fatte queste premesse, l’Associazione dei comuni siciliani chiederà:
–      al Governo nazionale di prevedere un tavolo di concertazione con la Regione Siciliana e gli Enti Locali dell’Isola per definire i necessari interventi finanziari e gli opportuni correttivi normativi;
–      ai Comuni che non hanno ancora approvato il bilancio, considerata la natura tecnica e politica delle questioni poste, di approvare una delibera formale di giunta nella quale evidenziare gli elementi che rendono impossibile la predisposizione dello strumento finanziario o che la rendono possibile solo a costo di forti penalizzazioni sul piano della spesa sociale e nell’offerta di ulteriori servizi essenziali per i cittadini;
–      ai Comuni che hanno già approvato il Bilancio di Previsione di approvare una delibera di giunta che segnali quali difficoltà tecniche hanno affrontato e quali conseguenze si sono determinate per i servizi in favore dei cittadini;
–      a tutti i Comuni, stante le sue rilevanti implicazioni, di inviare tali delibere, oltre che al Governo nazionale e regionale, alla sezione regionale di controllo della Corte dei Conti;
–      al Governo nazionale, nelle more, di prevedere un ulteriore rinvio del termine di approvazione del Bilancio di previsione 2021-2023.

Com. Stam.

7 recommended
comments icon0 comments
0 notes
112 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *