Sport

The Open: F.Molinari per il bis, Migliozzi per l’impresa

• Bookmarks: 10


Il Major più antico del golf torna protagonista, dal 15 al 18 luglio, dopo la cancellazione per Covid nel 2020

In Inghilterra due gli azzurri in gara, difende il titolo vinto nel 2019 l’irlandese Lowry E’ sfida anche per la leadership mondiale

Francesco Molinari per bissare il trionfo storico – primo italiano a imporsi in un Major – del 2018. Guido Migliozzi, al debutto assoluto nel torneo, per confermarsi su grandi livelli. E’ tutto pronto per la 149esima edizione del The Open, quarto e ultimo evento del Grande Slam 2021, in programma dal 15 al 18 luglio a Sandwich (Inghilterra), nel Kent. Dove l’Italia sarà rappresentata dal torinese e dal vicentino, i due azzurri in campo, nella gara individuale di golf maschile, ai Giochi di Tokyo.

L’Open Championship torna protagonista dopo la cancellazione (non accadeva dalla seconda guerra mondiale) per Covid del 2020. E metterà in palio un montepremi complessivo di 11.500.000 dollari con prima moneta di 2.070.000 (la più alta di sempre per questo torneo). Difenderà il titolo vinto nel 2019 l’irlandese Shane Lowry. Ospiterà la competizione, per la 15esima volta nella sua storia (la prima dal 2011), il Royal St George’s GC. Dove a contendersi la Claret Jug ci saranno quasi tutti i migliori giocatori al mondo. Sarà sfida clou anche per la leadership mondiale tra Dustin Johnson (numero 1), Jon Rahm (secondo) e Justin Thomas (terzo).

Chicco Molinari per il “double”. Migliozzi per l’impresa – Storie diverse, obiettivi simili. Per Francesco Molinari e Guido Migliozzi la 149edizione del The Open può segnare la svolta. Il torinese, nel torneo che nel 2018 lo ha visto entrare nel gotha del golf, sogna uno storico “double” per tornare su grandi livelli. Tre anni fa riuscì a superare, dopo un grande finale, campioni quali Justin Rose e Rory McIlroy, secondi al fianco di Xander Schauffele e Kevin Kisner. Con Tiger Woods (grande assente quest’anno) che chiuse sesto a tre colpi dal piemontese. Undicesimo nel 2019, nono nel 2013, Chicco Molinari è reduce dall’81/o posto allo Scottish Open.

Per il vicentino Migliozzi sarà la prima volta assoluta al The Open. Dopo il 4/o posto (al debutto assoluto in un Major) allo US Open il veneto punta un altro grande risultato in un evento del Grande Slam. Settantatreesimo (e miglior azzurro) nel world ranking, ha già dimostrato di non sentire la pressione e cercherà di confermare il suo ottimo stato di forma.

Molinari giocherà i primi due round della competizione al fianco dell’australiano Marc Leishman e dell’inglese Matt Wallace. Migliozzi troverà di fronte il francese Victor Perez e l’americano Kevin Streelman.

Quanti campioni in gara: sfida per la leadership mondiale tra Johnson, Rahm e Thomas – E’ tornato numero 1 mondiale senza giocare, approfittando del 7/o posto di Rahm allo Scottish Open. E ora Dustin Johnson vuole difendere la sua leadership con Rahm che, dopo il trionfo (il primo in un Major) allo US Open, per i bookmaker è il favorito al titolo. E’ dal 1988, quando Severiano Ballesteros (unico iberico a vincere questo Major) servì il tris di successi nel torneo, che uno spagnolo non riesce a vincere il The Open.

Opportunità di prendersi la leadership anche per Justin Thomas che, nel 2019, ha firmato il suo miglior risultato (undicesimo) al The Open.

Ma saranno tanti i campioni in gara. Da Collin Morikawa a Xander Schauffele, da Bryson DeChambeau a Patrick Cantlay, da Brooks Koepka a Patrick Reed passando per Tyrrell Hatton, Rory McIlroy (re nel 2014) e tanti altri. Con i giocatori inglesi che in casa inseguono un trionfo che manca dal 1992 (Nick Faldo).

Curiosità: nessuno tra i migliori dieci attuali giocatori del world ranking ha mai vinto il The Open.

Lowry difende il titolo. Tra gli assenti oltre a Woods anche Matsuyama e Zach Johnson – Shane Lowry, non in un grande momento di forma, proverà a realizzare il back-to-back. L’ultimo a riuscirci, in questo torneo, fu il connazionale irlandese Padraig Harrington (capitano del Team Europe alla Ryder Cup del Wisconsin, dal 24 al 26 settembre 2021 negli USA) che, vincendo nel 2007 e nel 2008, riuscì a emulare quanto fatto da Woods (per lui tre successi nella competizione) nel 2005-2006.

Non saranno della sfida, oltre a Woods (che sta procedendo con la riabilitazione dopo il grave incidente d’auto in cui è rimasto coinvolto lo scorso febbraio a Los Angeles), anche Hideki Matsuyama (suo quest’anno il The Masters) e Zach Johnson (campione nel 2015). Oltre al giapponese e all’americano saranno fuori per Covid anche Bubba Watson e Louis De Jager. Mentre Kevin Na s’è cancellato dal field per le restrizioni di viaggio imposte dal Regno Unito.

Fino a 32.000 spettatori al giorno. Montepremi stellare – Il Royal St George’s Golf Club potrà ospitare fino a un massimo di 32.000 spettatori al giorno. Saranno 156 i giocatori (di cui 8 amateur) che si contenderanno un montepremi complessivo di 11.500.000 dollari. Per loro sarà vietato firmare autografi.

The Open tra storia e successi – La prima edizione del The Open si giocò nel 1860 al Prestwick Golf Club, sulla costa occidentale scozzese, con otto partecipanti che si affrontarono in un giorno soltanto su una distanza di 36 buche. A imporsi fu William Park Senior (poi a segno anche nel 1863, 1866 e 1875). Il record di successi (6) appartiene ad Harry Vardon. Ma nell’albo d’oro figurano i nomi e i cognomi di tanti campionissimi del golf quali, tra gli altri, Gary Player, Arnold Palmer, Tom Watson, Jack Nicklaus, Ballesteros, Nick Faldo e Woods.

Dal 1860 la competizione non s’è giocata nel 1871 (quando non si trovò l’accordo sul premio da destinare al campione), dal 1915 al 1919 a causa della prima guerra mondiale, dal 1940 al 1945 per via della seconda guerra mondiale e, nel 2020, per la pandemia di Covid-19.

Nei primi tre Major del 2021 i trionfi di Matsuyama, Mickelson e Rahm – L’impresa di Matsuyama al The Masters, quella di Phil Mickelson (campione del The Open nel 2013) al PGA Championship (più anziano vincitore a imporsi in un Major) e poi l’exploit di Rahm allo US Open. Questi i vincitori dei primi tre Major stagionali. Con la 149esima edizione dell’Open Championship che rappresenta l’ultimo evento del Grande Slam 2021.

Il The Open in diretta su Sky Sport – La 149esima edizione del The Open verrà trasmessa in diretta su Sky Sport Arena. Prima giornata: giovedì 15 luglio dalle ore 11:00 alle 21:00.

Com. Stam.

Guido Migliozzi

Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 66

Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 86

Warning: json_decode() expects parameter 1 to be string, object given in /web/htdocs/www.giornalelora.it/home/wp-content/plugins/posts-social-shares-count/classes/share.count.php on line 66
10 recommended
comments icon0 comments
0 notes
81 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *