Breve

L’Isis sempre più vicina, la Sicilia sarà un trampolino di lancio

• Bookmarks: 6


Per alcuni è una certezza, per altri un dubbio che non trova ancora risposta. Ma la verità è troppo palese per non essere colta. La Sicilia non è solo un faro di speranza per persone in fuga da guerra, povertà e fame, è anche uno dei possibili punti di approdo per truppe estremiste nel nostro territorio. Senza una ferrea legislazione, migliaia di immigrati sbarcano sulle nostre coste ogni settimana; in mezzo a tanta gente alla ricerca di un posto tranquillo dove risiedere si nascono gli “infiltrati” dell’Isis. Questa un’ipotesi che cresce giorno dopo giorno. E a conferma di ciò, la Direzione distrettuale antimafia di Palermo rivela l’esito di alcune indagini che sta attualmente svolgendo: dietro gli innumerevoli barconi che navigano verso la Sicilia, si nasconderebbero gli stessi gruppi paramilitari estremisti della Libia. Secondo quanto risulta dalle intercettazioni, sfrutterebbero il profitto della tratta di persone per autofinanziare le proprie missioni e i propri progetti (se dei progetti esistono). «Con l’ultimo barcone ho raccolto un milione di dollari», afferma Hermias Germany, uno dei trafficanti intercettato. Insieme a lui, ricercati John Mharay e Shamshedin Abkadt, tutti africani. I mandati di cattura internazionali sono stati emessi dal g.u.p. di Palermo. Le indagini della Dda avrebbero evidenziato anche stretti collegamenti tra migranti di religione islamica residenti in Sicilia e personaggi vicini all’Isis. Tutti segnali che dovrebbero spingerci a intervenire prima dell’inevitabile.

6 recommended
KKKKK
185 views
bookmark icon
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com