Italia

«Boom dei contratti». Renzi: «L’Italia riparte»

• Bookmarks: 9


Il ministro Poletti per ora non ne azzecca una: dimentico della foto che lo ritrae a cena con Buzzi, l’altro giorno ha rivelato qual è il vero problema dell’Italia, cioè le vacanze estive di tre mesi per gli scolari, e oggi esulta per i dati relativi ai contratti a tempo indeterminato, attivati nei primi due mesi di quest’anno (quando ancora non era in vigore il Jobs act). Sarebbero 79mila in più rispetto agli stessi mesi del 2014, e secondo lo stesso Poletti ciò è dovuto “ai forti incentivi alle assunzioni a tempo indeterminato introdotti con la legge di stabilità”. A gennaio 2015 i contratti a tempo indeterminato sono stati il 32,5% in più di gennaio 2014 e per i giovani dai 15 ai 29 anni l’aumento è stato del +43,1%; a febbraio l’aumento percentuale è stato del 38,5% e per i giovani è arrivato al 41,4%. Esulta anche Renzi: «È un giorno importante» ha dichiarato arrivando per la prima volta al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che ha assunto ad interim dopo l’addio di Lupi. «I numeri sono davvero sorprendenti, è il segnale che l’Italia riparte». Poletti ha però ricevuto le contestazioni dei giovani precari, che non vogliono il business sulla disoccupazione giovanile, ma reddito e diritti. D’altronde non è ancora chiaro quanti di questi contratti siano attivazioni ex novo e quanti stabilizzazioni di altri contratti, ma per il ministro Poletti si tratta comunque di dati coerenti con l’obiettivo di stabilizzazione. «Per me è un dato assolutamente positivo».

9 recommended
KKKKK
217 views
bookmark icon
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com