Notizie

Come prevenire il dissesto idrogeologico in montagna e pianura per difenderci dai nuovi rischi ambientali

• Bookmarks: 13


Nel centenario della legge forestale “Serpieri”, l’Accademia Nazionale di Agricoltura e il Comando Unità Forestali Ambientali e Agroalimentari Carabinieri, organizzano una giornata per discutere delle criticità dei territori montani e di pianura al fine di fornire nuove strategie attuative, alla luce di quanto successo in Emilia-Romagna e Toscana negli ultimi mesi.

Bologna – Si svolge martedì 5 dicembre, dalle ore 9.00 alle 18.30, presso la Sala dello Stabat Mater di Palazzo dell’Archiginnasio di Bologna (Piazza Galvani 1, Bologna), la giornata “Risanamento e bonifica del territorio italiano nel centenario della legge forestale Serpieri”, organizzata dall’Accademia Nazionale di Agricoltura e il Comando Regione Carabinieri Forestali Emilia-Romagna, che vede i massimi esperti del settore a livello nazionale, rappresentanti i principali enti italiani, riunirsi per discutere le linee attuative per una nuova modalità di gestione del territorio italiano. Tra i numerosi ospiti saranno presenti i rappresentanti de l’Agenzia Italia Meteo, l’Associazione Nazionale Consorzi di gestione tutela del territorio e acque irrigue (ANBI), il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA), la Federazione Italiana dei Dottori in Scienze Agrarie e Forestali (FIDAF), l’Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani Emilia-Romagna (UNCEM), l’Autorità di Bacino Distrettuale del Fiume Po. La giornata sarà divisa in due sessioni, quella della mattina “La difesa del suolo, del bosco e della montagna” e quella del pomeriggio “Nuove criticità e possibili soluzioni nella lotta al dissesto idrogeologico”.

I saluti istituzionali della mattina saranno tenuti dal Prof. Giorgio Cantelli Forti, Presidente Accademia Nazionale di Agricoltura, Matteo Lepore, Sindaco della Città Metropolitana di Bologna, Generale di Divisione Nazario Palmieri Comandante del Comando Tutela Forestale e Parchi Nazionali in rappresentanza del Comandante del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari, Gianluca Galletti, già Ministro dell’Ambiente e Presidente di Emil Banca e dall’On. Francesco Lollobrigida, Ministro dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (collegato via streaming). Il pomeriggio sarà, invece, aperto dal saluto del Generale di Brigata Fabrizio Mari, Comandante della Regione Carabinieri Forestale Emilia-Romagna e della Dott.ssa Irene Priolo, Vicepresidente Regione Emilia-Romagna e Assessore a Transizione ecologica, contrasto al cambiamento climatico, Ambiente, Difesa del suolo e della costa, Protezione civile. A seguire interverrà il Gen. Ispettore Capo Giancarlo Gambardella in rappresentanza del Commissario Straordinario alla ricostruzione dell’Emilia-Romagna, Toscana e Marche.

L’obiettivo della giornata è analizzare, partendo dal centenario del Regio Decreto 30 dicembre n. 3267 del 1923 “Riordinamento e riforma della legislazione in materia di boschi e di terreni montani’, noto come “Legge Serpieri”, la situazione nazionale, oggi messa a dura prova dai numerosi eventi naturali che hanno colpito l’Italia. Le profonde trasformazioni del contesto socio-economico, che hanno interessato il nostro Paese negli ultimi sessant’anni, hanno generato rilevanti riconfigurazioni dei sistemi territoriali di riferimento soprattutto in ordine al progressivo spopolamento e abbandono delle aree montane e la marginalizzazione dei contesti territoriali di riferimento. Infatti, come la “Legge Serpieri” offrì una prima sistemazione organica delle diverse disposizioni in materia forestale, con l’obiettivo di coniugare l’attenzione all’economia montana e la necessità di difendere suolo e territorio, attraverso l’ausilio delle competenze e delle professionalità dell’organizzazione forestale dello Stato, anche oggi i recenti eventi accaduti in Emilia-Romagna e Toscana risuonano come un campanello d’allarme, che necessita di essere ascoltato per prevenire il più possibile le criticità ambientali da affrontare nel prossimo futuro. Il pensiero di Arrigo Serpieri risulta, quindi, quanto mai attuale al fine di varare nuovi provvedimenti normativi in favore della montagna, bonifica dei territori e aiuto alle popolazioni che li abitano per rafforzare sia lo sviluppo sostenibile che la prevenzione strutturale delle zone a rischio ambientale.

13 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
89 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com