Cronaca

I CC scoprono una stalla illegale creata in un deposito abusivo: sanzioni per 63mila € e sequestro degli animali

• Bookmarks: 22


Biancavilla (CT). Nell’anno in corso i Carabinieri del Comando Provinciale di Catania hanno denunciato più di 27 persone ed emesso sanzioni per oltre 100mila € per contrastare le corse clandestine di cavalli, fenomeno criminale collegato alle dinamiche dei clan mafiosi. Le corse clandestine possono rappresentare infatti una forma di controllo del territorio, come anche una modalità di reinvestimento di capitali illecitamente conseguiti, in considerazione del consistente giro di soldi investiti nelle scommesse clandestine.

Le prime vittime di questo business illecito sono, naturalmente, i poveri animali maltrattati, ai quali vengono spesso somministrate sostanze dopanti, con conseguente alimentazione di un mercato parallelo di farmaci illegali.

In tale contesto, negli scorsi giorni, i Carabinieri della Stazione di Biancavilla hanno effettuato un servizio perlustrativo delle periferie rurali del paese, dove all’interno di un terreno di contrada “Scirfi”, hanno scoperto un fabbricato abusivo in mattoni, adibito a stalla, in cui era stato richiuso uno splendido esemplare di equino col mantello di colore rosso -fulvo.

Immediata la richiesta d’intervento dei medici veterinari dell’A.S.P. di Catania, Distretto veterinario di Paternò, al fine di accertare le sue condizioni di salute, ed escludere che fosse stato maltrattato. Questo dubbio è infatti sorto ai Carabinieri poichè all’interno della stalla abusiva sono state trovate alcune mensole contenenti diversi farmaci veterinari, di cui la proprietaria dei luoghi, una 41enne del posto, non è stata in grado di fornirne la prescrizione medica necessaria per l’acquisto e la detenzione.

In attesa dell’arrivo degli specialisti, i Carabinieri hanno trovato nella tenuta anche delle galline e delle caprette tibetane, per cui hanno deciso di sottoporre ai dovuti controlli anche quegli animali.

Durante gli accertamenti, è stato per prima cosa acclarato che le caprette non erano munite dell’obbligatorio microchip. Inoltre non era stato richiesto, e quindi nemmeno rilasciato dall’ASL veterinaria competente, né il “codice stalla per cavalli”, né il passaporto dell’animale, che è obbligatorio e serve a identificare i cavalli destinati al consumo umano e quelli non macellabili.

Questa distinzione è importante e necessaria perché i medici veterinari devono registrare tutti i trattamenti prescritti all’animale e, naturalmente, i farmaci somministrati sono differenti a seconda della destinazione del cavallo.  Anche la presenza di altri animali per far compagnia al cavallo, come le caprette, deve essere comunicata all’ASL e l’animale deve essere registrato, munito di bolo o marche auricolari e sottoposto a regolari controlli sanitari.

Al fine di tutelare la salute degli animali, i Carabinieri li hanno affidati in custodia giudiziale all’istituto catanese di incremento ippico per la Sicilia, in stato di isolamento fino all’esito delle analisi infettivologiche e microbiologiche, per accertare il loro stato di salute, nella speranza che il cavallo non sia stato adoperato per corse clandestine e, quindi, non sia stato vittima di maltrattamenti.

Per la donna è scattata una maxi sanzione amministrativa da 63.600 € sia per l’abusivismo edilizio di cui si è resa responsabile, che per le carenze nei confronti degli animali che deteneva.     

22 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
131 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com