Cronaca

Indagato per  “maltrattamenti in famiglia” divieto di avvicinamento alla persona offesa, per un 28enne

• Bookmarks: 19


La Procura Distrettuale della Repubblica, nell’ambito delle indagini a carico di un 28enne di San Pietro Clarenza, indagato per il reato di “maltrattamenti in famiglia”, ha richiesto ed ottenuto dal GIP del Tribunale etneo l’emissione la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa, eseguita dai Carabinieri della Stazione di Camporotondo Etneo (CT).

Le indagini coordinate dal pool di magistrati qualificati sui reati che riguardano la violenza di genere, in uno stato del procedimento nel quale non è ancora intervenuto il contraddittorio con l’indagato, avrebbero fatto luce sulle condotte abituali e reiterate che sarebbero state poste in essere dall’uomo nei confronti della moglie 29enne.

L’attività investigativa dei Carabinieri è scaturita conseguenzialmente dalle denunce della vittima, con conseguente intervento di pattuglie dei Carabinieri in due recenti occasioni, su richiesta di quest’ultima in concomitanza con le manifestate escandescenze del marito.

Quest’ultimo, inoltre, avrebbe posto in essere tale comportamento violento ed aggressivo anche in forza della sua dipendenza da sostanze alcoliche, delle quali, invero, sarebbe aduso abusarne.

L’uomo in particolare, nello scorso mese di agosto e dopo aver pochi giorni prima abbandonato la casa coniugale, avrebbe colpito in più d’una occasione la moglie con schiaffi, calci e pugni, tirandole i capelli e cingendole il collo con le mani come per strangolarla, cagionandole così tumefazioni all’occhio destro e lividi sparsi in tutto il corpo.

Sarebbe stato solito agire nei confronti della moglie anche solo con toni denigratori pregni, però, di una tale intensità che avrebbero indotto in quest’ultima propositi suicidiari, da lei stessa manifestati ad una parente, alla quale avrebbe confidato di voler compiere l’insano gesto uccidendosi insieme al proprio cane, anch’esso sottoposto alle violenze fisiche del compagno. A tal proposito infatti, l’uomo si sarebbe recato presso la loro abitazione familiare talmente ubriaco da lasciarsi andare ai propri bisogni fisiologici sulle scale condominiali, nonché l’avrebbe più volte minacciata telefonicamente dicendole che avrebbe dato fuoco alla casa con lei stessa al suo interno.

Ma, forse, le offese più riprovevoli gliele avrebbe rivolte allorquando, in presenza di altre persone, l’avrebbe umiliata come donna e madre gridandole platealmente <<… sei fradicia, non sei buona a fare figli! …>>, così alludendo alla sua incapacità alla procreazione in conseguenza di un aborto spontaneo, in cui era incorsa nell’aprile del 2022 mentre si trovava al quarto mese di gravidanza.

Ciononostante però il 28enne, a conferma di una sua ormai perduta coerenza psicologica, avrebbe pedinato la donna nei pressi dell’abitazione, seguendola nei suoi spostamenti in auto e, quindi, lasciandole bigliettini d’amore sul cruscotto, salvo poi recarsi sul luogo di lavoro dello zio della 29enne, dove si sarebbe lamentato con quest’ultimo del fatto che lei avrebbe intrattenuto contemporaneamente più relazioni extraconiugali.

L’attività di riscontro dei Carabinieri di Camporotondo Etneo, unitamente alla denuncia della vittima del reato, è stata compendiata alla Procura Distrettuale della Repubblica che, accogliendola in toto, ha poi consentito al  GIP emittente l’emissione del provvedimento che impone al 28enne il divieto di avvicinamento alla persona offesa a meno di un chilometro, nonché di avvicinarsi ai luoghi solitamente da quest’ultima frequentati.

19 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
106 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com