Libri

Michelangelo Ingrassia presenta L’anno in cui il Governo Mussolini cancellò il Primo Maggio

• Bookmarks: 39


Feltrinelli Librerie via Cavour 133, Palermo – AREA ESTERNA ALLA ZTL – tel. 02 9194 7777 – WhatsApp +39 345 686 8487 Lunedì 11 dicembre – ore 18 Michelangelo Ingrassia presenta L’anno in cui il Governo Mussolini cancellò il Primo Maggio insieme a Stefano Mantegazza, Gioacchino Lavanco, Francesca Lo Nigro e Leoluca Orlando modera Carmelo Botta

Il 19 aprile 1923, quando il fascismo non era ancora “regime” ma un governo sorretto da una maggioranza parlamentare di centrodestra, il Consiglio dei Ministri, presieduto da Benito Mussolini, approvò un decreto che sopprimeva, di fatto, la festa del lavoro del 1° maggio. Quella giornata, festeggiata in tutto il mondo, venne spostata al 21 aprile, data della fondazione di Roma e venne unificata con la festa per la nascita del Partito Nazionale Fascista, proclamata da Mussolini nel 1921, per lo stesso giorno. Così, la classe lavoratrice fu depredata della propria data di celebrazione del lavoro e dei diritti conquistati; segno più clamoroso della violenta riduzione del ruolo culturale, politico, economico e sindacale del lavoro e dei lavoratori operata dal fascismo.

Michelangelo Ingrassia insegna Storia Contemporanea all’Università di Palermo ed è direttore del Centro di Documentazione e Studi “Gaetano “Pensabene”; ha pubblicato numerose monografie e rappresenta la Uila-Uil nel Comitato Consultivo Provinciale Inail di Palermo, di cui è stato Presidente nella consiliatura 2015 – 2019.

Com. Stam.

39 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
300 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com