Mondo

Nagorno-Karabakh: Save the Children, oltre 26mila tra bambine e bambini fuggono dai combattimenti e necessitano di assistenza umanitaria urgente

• Bookmarks: 43


L’Organizzazione chiede la cessazione immediata delle ostilità nel Nagorno-Karabakh e che venga data priorità alla sicurezza e alla protezione dei civili, in particolare bambine e bambini, in linea con il diritto internazionale umanitario e le regole dei conflitti.

Almeno 26.400 di bambine e bambini – pari al 30% di tutti gli sfollati attualmente fuggiti dal conflitto nel Nagorno-Karabakh nelle ultime settimane – e le loro famiglie, hanno un disperato bisogno di alloggio, cibo, vestiti, prodotti per l’igiene e di primo soccorso psicologico, dopo la fuga in Armenia a causa delle violenze. È l’allarme che lancia oggi Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini e le bambine e garantire loro un futuro.

Dal 19 settembre, data di inizio dell’escalation delle violenze, più della metà della popolazione del Nagorno-Karabakh – ovvero oltre 88mila persone – è fuggita in Armenia e si prevede che il numero aumenterà nei prossimi giorni.

Lo staff di Save the Children in Armenia racconta che i bambini sfollati con la forza dalla regione mostrano segni di grave disagio e alcuni affermano di aver trascorso più di tre giorni sulla strada per raggiungere l’Armenia senza cibo né acqua. Negli ultimi nove mesi, i residenti del Nagorno-Karabakh hanno sofferto per la carenza di cibo e medicinali a causa del blocco della strada che collega la regione all’Armenia.

Molti genitori raccontano di avere paura di restare vicino al confine e, una volta arrivati nei centri di accoglienza, chiedono di essere trasferiti il più lontano possibile dalla frontiera tra Azerbaigian e Armenia.

Mentre città come Goris si stanno riempiendo di sfollati, il team di Save the Children è preoccupato sulla sicurezza dei bambini, per quelle famiglie alle quali non resta altra scelta che dormire per strada.

“I bambini sono ancora una volta in prima linea nella crisi del Nagorno-Karabakh. La maggior parte delle famiglie è fuggita in Armenia con solo i beni di prima necessità e ora dovrà ricominciare da zero. Molti minori avranno assistito a violenze o avranno perso i propri cari, alcuni genitori ci dicono che i loro figli non smettono di piangere. Questa situazione avrà un pesante impatto psicologico sui più piccoli, in particolare su quelli che sono stati sfollati e che hanno già assistito a violenze durante gli scontri del 2020. È nostra responsabilità dare priorità alla loro sicurezza e proteggere il loro futuro” dichiara Iren Sargsyan, consulente umanitario di Save the Children attualmente in Armenia.

Save the Children chiede la cessazione immediata delle ostilità nel Nagorno-Karabakh e che venga data priorità alla sicurezza e alla protezione dei civili, in particolare di bambine e bambini, in linea con il diritto internazionale umanitario e le regole dei conflitti.

Save the Children sta conducendo una valutazione dei bisogni attraverso i suoi partner locali nella città di Goris e in altre aree dell’Armenia e sta pianificando di sostenere le famiglie sfollate con assistenza in denaro per aiutare a coprire i bisogni primari come cibo e vestiario, distribuzione di beni di prima necessità come kit igienici, attività di supporto psicosociale e di educazione dei bambini.

Com. Stam.

43 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
2135 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com