Politica

Nasce “Sicilia Nazione” con Armao e Piscitello

• Bookmarks: 3


Gaetano Armao e Rino Piscitello hanno fondato il nuovo movimento politico Sicilia Nazione. Si tratta di un patto federativo con l’Italia che permetterebbe alla Sicilia di trattenere tutte le proprie risorse economiche, compresi i tributi maturati sul territorio regionale, rinunciando a qualsiasi trasferimento statale. Già due mesi fa, Sicilia Nazione denunciava che Crocetta e Baccei stavano portando la Sicilia al fallimento. Sul sito del movimento www.sicilianazione.eu l’iniziativa politica “Fermiamo Crocetta” e la manifestazione del 15 maggio per celebrare i 70 anni dello Statuto e i nove punti della Carta Programmatica di Sicilia Nazione. Punto fondamentale è l’autonomia della Sicilia, che Crocetta – secondo Armao – ha completamente disatteso definendolo “antiautonomista”. Secondo i due leader già si è dato troppo al governo Renzi, basterà citare i 7 miliardi di euro che spetterebbero alla Sicilia. Fra i punti della Carta la creazione di un fondo per riequilibrare le infrastrutture; i fondi europei per la Regione (fondi che normalmente vanno ad altre regioni); l’apertura di due case di gioco, fondamentali per il rilancio del turismo; una zona franca integrale con l’emissione di una moneta complementare attraverso Certificati di Credito Fiscale per le transazioni interne a fianco dell’euro; l’eliminazione di tutte le concessioni e le autorizzazioni preventive con applicazione del silenzio assenso e dei controlli solo ex post, ad eccezione delle norme sulla tutela di ambiente e beni culturali; la dismissione delle partecipazioni pubbliche; la totale devoluzione dell’amministrazione pubblica, ripristino dell’Alta Corte, eliminazione delle prefetture nel territorio siciliano; trasferimento di competenze e personale a comuni e liberi consorzi, lasciando all’amministrazione centrale siciliana compiti legislativi. Altri punti sono: salario minimo garantito per i disoccupati per due anni con obbligo di lavori sociali; rafforzamento dell’identità siciliana nella scuola; nascita di un servizio pubblico radiotelevisivo siciliano; valorizzazione dei beni ambientali, culturali e turistici; controlli rigidi su qualità dell’aria e delle acque e chiusura graduale delle aziende che non garantiscano una drastica riduzione dell’inquinamento; facilitazioni sui trasporti; eliminazione delle tasse di soggiorno e incentivazioni fiscali sugli investimenti turistici; sospensione e revisione degli accordi europei che danneggiano l’agricoltura siciliana; sovranità siciliana per le risorse energetiche; potenziamento del sistema ferroviario; flusso di immigrati con un tetto massimo alle presenze nei centri di accoglienza. Accesso all’Asp solo per titoli ed esami, lasciando alla politica solo le linee programmatiche e gli obiettivi; fuoriuscita di rappresentanti politici e sindacali dai consigli d’amministrazione; riduzione delle indennità per le cariche pubbliche; potenziamento delle forze di polizia; rapporto diretto con l’Europa su tutte le questioni di interesse siciliano per l’agricoltura, la pesca, l’energia e l’ambiente.

3 recommended
KKKKK
153 views
bookmark icon
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com