Notizie

Uso e abuso di marijuana

• Bookmarks: 9


[dropcap size=big]P[/dropcap]er quanto ancora le testate dei  quotidiani continueranno a trattare di decessi di giovani, e non solo, a causa di sostanze stupefacenti acquistate illegalmente nei vicoli delle grandi metropoli?

Proprio poche settimane fa tutti i TG nazionali trattavano la cronaca di un giovane adolescente,  trasportato in ambulanza dal proprio liceo, nelle vicinanze di Brescia, dopo avere assunto,  durante la ricreazione, per la prima volta della cannabis; vani sono stati i soccorsi immediati dei medici, purtroppo, infatti, questo caso si è concluso con un epilogo drammatico per il giovane bresciano il quale poche ore dopo l’assunzione  è deceduto presso l’ospedale cittadino in seguito a complicazioni dovute alle alterazioni che le sostante chimiche , contenute nello spinello,  hanno avuto sul suo corpo.  Sono ancora aperte le indagini sul decesso; sono stati  già interrogati i genitori del ragazzo e i compagni di scuola presenti con lui quella fatidica mattina; gli inquirenti lavorano tuttora per scoprire da dove sia giunta quella marijuana che ha  privato della vita il giovane ragazzino di Brescia, e si impegnano nell’immediata  cattura del criminale che l’ha venduta al minorenne.

 

Fortunatamente, tuttavia, oggi che il problema legato alla droga e al suo spaccio è molto più conosciuto dei decenni passati,  è possibile constatare anche notizie positive in merito;  si sono incentivati ,infatti, i fondamentali interventi delle forze armate per la cattura degli “spacciatori”. Recentissimo,  a tal proposito, è l’ episodio di cronaca riportato  pochi giorni fa in cui, grazie alla prontezza delle forze di polizia della Squadra mobile di Palermo, sono finiti in manette un gruppo composto da sette “spacciatori” , appartenenti alla storica malavita sei sobborghi palermitani, tutti legati tra loro da rapporti di  parentela. Questi, al momento dell’interrogatorio,  hanno dichiarato di essere dediti a tale pratica da ormai da molti anni, ereditata come una dote da padre in figlio. La cattura si  conclusa con l’arresto dei malavitosi per i quali si attende il processo, già fissato per le prossime settimane. Grazie alle confessioni di questi, gli inquirenti mirano a catturare altri criminali del giro di droga palermitano e non solo.

 

Ancora oggi sono davvero in pochi a sapere cosa realmente contenga la marijuana acquistata per strada anche a poco prezzo e gli effetti che questa possa avere nel corpo e nella mente dell’uomo, specialmente se questa, come accade purtroppo nella maggioranza dei casi, contiene al proprio interno sostanze chimiche non previste e deleterie per la salute umana, con conseguenze talvolta irreparabili.

Da recenti studi  appare chiaro nell’epoca attuale sono ormai moltissimi, troppi i giovani e non solo che fanno uso di tale sostanza, alcuni spinti da una mera curiosità di provare qualcosa di nuovo, di cui tanto si sente parlare, ma che non si conosce realmente;  c’è poi chi lo fa per una forma di evasione dalla realtà, altri, invece, perché ormai intrappolati in una vera e propria dipendenza. Dalle statistiche si scopre che si è ormai di gran lunga abbassata l’età media in cui i giovani iniziano a fare uso di tali sostanze stupefacenti, si parte già dai pre-adolescenti, che a 13/14 anni la vedono circolare anche tra i banchi di scuola, davanti gli occhi di professori e genitori inconsapevoli.

Ma chi tra i suoi fruitori e spacciatori conosce realmente cosa sia e quali siano gli effetti della cannabis? A oggi, fortunatamente, è possibile fare chiarezza anche su questo punto.

Si tratta della sostanza stupefacente più utilizzata al mondo, sono in milioni gli individui che dichiarano apertamente di  averla provata almeno una volta nella vita. Probabilmente per la sua semplificata reperibilità e per i suoi costi di gran lunga inferiori in relazione a quelli di altre droghe, come ad esempio     l’ eroina o la cocaina. Tuttavia, nonostante la sua provenienza considerata “naturale” ( è estratta infatti dalle foglie di canapa) , contiene al proprio interno una sostanza chimica, negli ultimi anni in aumento, nota a tutti con il nome di THC,  che rallenta di gran lunga i riflessi dell’uomo , provoca frequenti allucinazioni e ha per conseguenza una distorsione della realtà. Tra gli esiti peggiori di cui tale sostanza è artefice vi è senza alcun dubbio la dipendenza, il consumatore abituale di droga non può farne a meno , il suo corpo ne richiede sempre di più, ed è  predisposto all’assunzione di altri tipi di droga più pesanti pur di sopperire il suo bisogno sempre maggiore. Colui che dipende dalla droga necessita di aiuto dalle istituzioni, senza questo non può che attendere ad una vita che può portarlo solo alla rovina di se stesso.

Oggi sempre di più politici e conseguentemente mass-media affrontano tale tematica, rapportandosi inevitabilmente ai modelli europei in cui l’uso della marijuana è ormai da tempo stato legalizzato.

Tenendo conto delle statistiche, in tali paesi il controllo legale di droghe leggere ha ridotto di molto il tasso di criminalità e di decessi legate ad esse, rendendole controllate dallo stato a cui va il profitto; ma inevitabilmente ne ha aumentato anche l’abuso, a causa della immediata reperibilità. Sono in atto nel nostro Paese i dibattiti in merito e probabilmente si prolungheranno ancora per molti anni. Attualmente il  principale auspicio degli Italiani consiste in una maggiore informazione e controllo delle droghe leggere, al fine di placare tale terribile fonte di degrado e di morte.

9 recommended
KKKKK
209 views
bookmark icon
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com