Economia e Lavoro

Lavoro. Capone UGL: “Urge rafforzare politiche attive e strumenti come il contratto di espansione”

• Bookmarks: 17


“La fase di graduale e progressiva ripartenza favorita dalla campagna di vaccinazione massiva in atto, impone l’adozione di strumenti innovativi.

Da tempo, come sindacato UGL, sosteniamo l’inadeguatezza di misure come il reddito di cittadinanza e il fallimento dei cosiddetti ‘Navigator’. L’esigenza primaria è quella di tutelare i livelli occupazionali e ricollocare quanti hanno perso il posto di lavoro. Pertanto, riteniamo fondamentale implementare i percorsi di orientamento professionale, sostenendo al contempo, i processi di riconversione produttiva e puntare sulle politiche attive. In questo senso occorre potenziare i meccanismi di flessibilità in uscita quali il contratto di espansione, in grado di incentivare il turnover generazionale e l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro. L’UGL, inoltre, è disponibile ad un confronto sul Piano nazionale per la lotta al sommerso annunciato dal ministro Orlando, per discutere di sicurezza del lavoro, contrasto al lavoro irregolare e allo sfruttamento. Se da un lato urge rafforzare il sistema dei controlli e garantire un maggior coordinamento degli organismi impegnati a combattere tale piaga sociale, dall’altro servono incentivi e meccanismi premiali per incoraggiare le imprese a mettersi in regola e a rientrare nella legalità.” Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito alle riforme necessarie per rilanciare l’occupazione e contrastare il fenomeno del lavoro sommers

Com. Stam.

17 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
232 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com