Notizie

Secondo la Cassazione l’alunno che cade dalle scale della scuola va risarcito

• Bookmarks: 3


E’ la Cassazione che lo dice. L’alunno che cade dalle scale della scuola va risarcito, anche se non dimostra come si sono verificati i fatti, perché spetta all’istituto l’obbligo di vigilare sulla sicurezza e l’incolumità dei suoi allievi.

E’ questo il principio affermato dalla Corte di cassazione nella sentenza 7410 del 2021. Ecco cosa è accaduto. I genitori di un minore hanno fatto causa alla scuola, chiedendo il risarcimento dei danni riportati dal proprio figlio da seguito di una caduta dalla scale avvenuta proprio a scuola. Il tribunale e la corte d’appello hanno però respinto tale richiesta, sostanzialmente perché i genitori del minore non hanno fornito la prova della dinamica dei fatti. Il giovane, divenuto nel frattempo maggiorenne, ha però impugnato tale  decisione in Cassazione, che ha accolto il ricorso, affermando che è ravvisabile un inadempimento dell’istituto scolastico all’obbligazione di vigilanza sulla sicurezza e la incolumità degli alunni minorenni affidati agli insegnanti, circostanza che deve considerarsi presunta finché l’allievo rimane nel plesso scolastico o nelle sue pertinenze e che “può estendersi anche là dove il minore fuoriesca dal plesso scolastico e dalla sue pertinenze, se venga in concreto accertato che lo stesso non era riaffidato ad altro adulto, ma continuava ad essere sottoposto a sorveglianza da parte dell’insegnante o altro dipendente scolastico” inoltre, a differenza di quanto affermato dai giudici di merito, non spettava all’alunno dimostrare come si sono verificati i fatti, ma all’Istituto provare di non avere colpa nella causazione dell’evento dannoso. Da qui l’accoglimento del ricorso e la condanna della scuola a risarcire i danni subiti dall’allievo.

Ciro Cardinale

CS

3 recommended
comments icon0 comments
0 notes
91 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *