Spettacoli

Cultura Museo Riso Palermo – Gli appuntamenti del weekend: “L’incanto di Orlando”, “Diari d’amore” e il jazz con Ana Flora

• Bookmarks: 14


La coda della quarta settimana di programmazione di Settembre al Riso, la rassegna che, nella sua seconda edizione, offre appuntamenti culturali nell’ottica della definizione e dell’approfondimento dell’identità siciliana, propone tre serate tra opera dei pupi, documentari e musica.

Apre il weekend, la sera di venerdì 24 settembre,  lo spettacolo “L’incanto di Orlando” della Compagnia Argento.

Dall’inizio della narrazione dell’Orlando Furioso al monologo di un’attrice sino alla battaglia tra Orlando e Rinaldo impersonati da i pupari Nicolò e Dario Argento, che vestono le armature fuori scena. Durante la battaglia il narratore racconta le gesta dei due cavalieri che tra i tanti battibecchi si viene a creare una vera e propria lotta, sempre per contendersi la bella Angelica.

Con il canto de “I pirati a Palermo” una seconda narrazione introduce la battaglia in scena dei pupi.

Al termine con un monologo si tolgono i pupi morti dal campo, ma nel frattempo Angelica fugge dal campo e si ritrova in un bosco dove Medoro, un cavaliere pagano, è riverso ferito per terra, lei lo cura, trovano rifugio in una grotta dove un pastore gli da ospitalità, così i due si innamorano, ma nel frattempo Orlando cerca disperatamente Angelica e quando si accorge che lei si è innamorata di un altro uomo impazzisce. 

Così entra in scena Astolfo che guidato da un ippogrifo alato va fin sulla luna a riprendere il senno dell’amico Orlando, li tra tante peripezie riesce a trovarlo e lo porta sulla terra e quando Orlando lo respira torna in se e così sono pronti per ripartire per altre avventurose battaglie in difesa della corona di Carlo Magno.

Chiude lo spettacolo un monologo dell’attrice Falbo e un canto del maestro Cusumano. In scena Bruno Cristian (puparo), Vera Unti (violino), Katiuska Falbo, Francesco Cusumano (chitarre elettriche e classiche, percussioni, canto), Anna Argento (attrice pupara), Dario Argento (attore puparo) e Nicolò Argento (attore puparo cuntista, regista dello spettacolo e scenografo). Ingresso 7 euro; i biglietti si acquistano sul sito www.coopculture.it.

Sabato 25 l’Associazione Diari d’amore presenta per la prima volta la sintesi di un lungo lavoro di ricerca e approfondimento alla scoperta dell’anima di una terra, la Sicilia, che ha tanto da dire, che si nasconde e si svela al tempo stesso a chi è disposto ad ascoltarla e ad attenderla.

Diari d’amore è una raccolta digitale di immagini, suoni e parole che ha la finalità di raccontare l’umanità nelle sue sfaccettature attraverso antichi mestieri, tradizioni, usi, costumi e quanto caratterizza occasioni di vitalità. 

L’idea nasce dall’esigenza di incontrarsi nelle particolarità della bellezza di cui è capace l’opera umana: è il viaggio di persone che ne cercano altre, è la scommessa che la sincerità sia ancora necessaria e passi attraverso gli occhi che hanno la forza di raggiungersi. La sua attività inizia nel Febbraio 2021 e da allora ha raccontato le vite di liutai, pescatori, musicisti, ricamatrici, contadini, pittori, poeti, camminatori, cavalieri: dove all’inizio era un cercatore oggi c’è una grande famiglia. 

Enrico Morsillo è un compositore diplomato al Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma. In ogni lavoro è animato dal sincero coinvolgimento dettato dalle necessità che la vita, la letteratura ed i collaboratori riescono ad argomentare, consentendone l’apprezzamento in varie sedi come autore di musica assoluta, da camera, lirica e di scena.

Domenico De Lisi è un fotografo diplomato al Biennio di Fotografia presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Ad integrare il suo percorso formativo gli studi in Visual Communication e New Media prima al National College of Art and Design di Dublino e poi alla Vilnius Art Academy. 

Alla presentazione del progetto, prima della proiezione, saranno presenti: Paolo Valentini, dell’Assessorato regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Enrico MorsilloDomenico De Lisi e Costanza La Bruna, video maker e socio dell’Associazione Diari d’amore. Ingresso libero. E’ possibile prenotare i posti inviando un whatsapp al numero 333 4577545. 

Spazio alla musica, al jazz in particolare, domenica 26, con Ana Flora e la sua Band. 

Uno spettacolo per ripercorrere le contaminazioni che hanno portato alla nascita del jazz, dalla musica tribale al sound brasiliano, fino ad arrivare al contributo di uno dei suoi padri nobili, il musicista di origini siciliane Nick La Rocca. La serata – realizzata dall’associazione Open Show, approfondisce il genere musicale che ha trovato fortuna nei sobborghi e nei club di New Orleans per

poi diffondersi in tutto il mondo.

Un’esibizione musicale che ci porterà a scoprire origini, influenze ed evoluzioni del jazz a partire dalla sua nascita fino alle sue innovazioni più sconosciute. A condurci in questo percorso un’artista d’eccezione, Ana Flora, cantante brasiliana che in Italia ha collaborato, tra gli altri, con Mario Venuti e Fabio Concato.

Ad accompagnarla ci sarà la sua band, composta da Diego Spitaleri al piano, Fabrizio Giammanco alla batteria, Riccardo Lo Bue al basso e Vito Giordano alla tromba, per un viaggio musicale che da Bahia ci condurrà fino a New Orleans.

Ed è proprio a New Orleans che troviamo Nick La Rocca, musicista di origine siciliana tra i pionieri del jazz, che diventerà il filo conduttore dello spettacolo attraverso la voce narrante dell’attrice Francesca Melluso, che ne ripercorre vita, vicende ed evoluzione musicale. Un tributo ad un artista il cui nome è diventato sinonimo di genio, estro e fantasia in tutto il mondo. Ingresso libero.

La rassegna Settembre al Riso è promossa dall’Assessorato regionale ai Beni culturali, fortemente voluta dall’assessore Alberto Samonà in collaborazione con il Museo Riso e CoopCulture.

Tutti gli appuntamenti iniziano alle 21 (in caso contrario, è indicato l’orario diverso). Si entra solo con green pass o tampone negativo effettuato entro le 48 ore precedenti. Per gli spettacoli a ingresso libero, si entra fino ad esaurimento dei 180 posti disponibili.

Le info e il programma aggiornato della manifestazione sono consultabili sulla pagina Facebook del Museo Riso

Com. Stam.

14 recommended
comments icon0 comments
0 notes
124 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *