Economia e Lavoro

Non solo carburo di silicio: nel futuro di Catania potrebbe esserci ancora più silicio

• Bookmarks: 19


Ugl Metalmeccanici: “Grazie alle ultime tecnologie, con STM grande opportunità di una nuova era per l’Etna valley”

Non solo carburo di silicio, nel futuro di Catania potrebbe anche esserci un incremento della produzione di silicio. E’ l’auspicio della federazione provinciale Ugl Metalmeccanici di Catania che, con il suo segretario Angelo Mazzeo, immaginando ancora una volta una prospettiva per la città in termini di crescita ulteriore dell’industria della microelettronica tale da proiettarla al centro del contesto europeo. “Ci sono segnali da non sottovalutare, come ad esempio l’accelerazione dell’attivazione dei contributi europei del programma “Chips act”, ma anche le recenti dichiarazioni dell’amministratore delegato di STMicroelectronic Italia Orio Bellezza, che si vanno a sommare all’enorme richiesta a livello mondiale di dispositivi ad elevata tecnologia ed alla necessità dell’Europa di contrastare lo strapotere del mercato asiatico – dice il sindacalista Ugl. Gli indicatori di produttività del comparto, per quanto riguarda Catania dove abbiamo uno dei più importanti di STM, sono assolutamente rilevanti visto che gli impianti della multinazionale anche nel 2020 non si sono mai fermati e oggi stanno lavorando a pieno regime per la produzione di silicio a 8 pollici. Anche l’area che produce fette a carburo di silicio da 6 pollici sta ottenendo risultati superiori alle previsioni pianificate. Nel contempo, nella Zona industriale etnea, stanno procedendo spediti i lavori della nuova fabbrica di substrati a carburo di silicio – conferma Mazzeo – dove sarà installata la linea pilota per la realizzazione dell’8 pollici. Il nostro sogno, ormai non più nascosto, però è quello di poter avere nella nostra città un grande impianto per la fabbricazione di fette di silicio a 12 pollici. Come abbiamo sempre sostenuto, oltre allo spazio fisico dove potere costruire tutte le strutture necessarie (grazie anche alla legge regionale che avrebbe creato le condizioni per l’insediamento di Intel, rendendo appetibili terreni contigui tra loro), ci sono infrastrutture e servizi fortemente legati al contesto industriale della microelettronica. Questi ultimi, in particolare, sono cresciuti nel tempo proprio per via della presenza della STMicroelectronics. Siamo ottimisti, dunque, su un imminente futuro per Catania e provincia, caratterizzato da una robusta presenza dell’industria legata alla microelettronica che, insieme al non indifferente investimento che Enel green power ha già avviato con la Gigafactory, potrà proiettare il territorio verso una nuova era per l’Etna valley. Questo significa sviluppo sia economico che sociale per l’intera Sicilia orientale, che potrebbe dare una speranza a tanti giovani validi (e per fortuna ne abbiamo tanti di poter rimanere qua ed evitare di lasciare la nostra terra in cerca di fortuna. Su questo, come sindacato, siamo sempre pronti a batterci e sostenere appieno ogni occasione di crescita per Catania – conclude il segretario di Ugl Metalmeccanici.”

Com. Stam.

19 recommended
comments icon0 comments
KKKKK
0 notes
433 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.